Putin: «Il coordinamento fra Russia e Cina ha un ruolo stabilizzante nel mondo»

Putin: «Il coordinamento fra Russia e Cina ha un ruolo stabilizzante nel mondo»

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Per il momento non sembrano sortire effetti particolari i primi movimenti per cercare di scalfire l’alleanza tra Russia e Cina. Tutt’altro. Il presidente russo Vladimir Putin e il presidente cinese  Xi Jinping hanno annunciato ufficialmente l'estensione del trattato russo-cinese sul buon vicinato, l'amicizia e la cooperazione. Secondo le notizie fornite dai media russi e cinese. 

"Questo documento sancisce accordi fondamentali come il sostegno reciproco nella protezione dell'unità statale e dell'integrità territoriale, il rifiuto del primo uso di armi nucleari e il reciproco targeting di missili strategici”, ha affermato Vladimir Putin. 

Il trattato si allinea con gli interessi fondamentali di entrambi i paesi, riecheggia i temi dei tempi per la pace e lo sviluppo ed è un vivido esempio di costruzione di un nuovo tipo di relazioni internazionali e comunità con un futuro condiviso per l'umanità, ha commentato Xi.

Putin ha inoltre evidenziato che il documento registra l'assenza di rivendicazioni territoriali reciproche e la determinazione dei due Paesi a trasformare il confine comune in una "cintura di pace e amicizia eterne”. "Nel mondo moderno, tali accordi sono di grande importanza: rispetto del diritto sovrano di scegliere una struttura sociale, percorso di sviluppo, non interferenza negli affari interni", ha poi aggiunto Putin.

Il coordinamento fra Russia e Cina "ha un ruolo stabilizzante", sempre secondo Vladimir Putin, in un quadro caratterizzato da una crescente turbolenza politica e da potenziali conflitti. Basti pensare a quale escalation avrebbe potuto provocare l'incursione della nave da guerra britannica nelle acque territoriali russe al largo della Crimea. Una deliberata provocazione, irresponsabile e pericolosa, da parte di Londra. Putin ha anche citato in particolare le crisi nella Penisola coreana, in Siria, Afghanistan e il programma nucleare iraniano.

Le moderne relazioni tra i paesi sono ufficialmente definite da loro come una partnership equa e basata sulla fiducia, con un'interazione strategica. 
I principi di base si riflettono in questo accordo, che Putin firmò con l'allora presidente della Repubblica Popolare Cinese, Jiang Zemin, nel 2001.

Nel marzo di quest'anno, Mosca e Pechino hanno deciso di prorogare automaticamente l'accordo per altri cinque anni.

La cooperazione Cina-Russia imprime uno slancio positivo alla comunità internazionale quando il mondo sta attraversando profondi cambiamenti e l'umanità sta affrontando molteplici crisi di sviluppo. E come evidenziato da Xi Jinping questa cooperazione rappresenta un esempio per un nuovo tipo di relazioni internazionali. 

Le frequenti interazioni tra i massimi leader dei due paesi mostrano un approfondimento della fiducia reciproca e hanno inferto un duro colpo ai tentativi occidentali di rompere l'amicizia tra Cina e Russia, osservano gli analisti di entrambi i paesi. 

Sullo sfondo della pandemia di COVID-19 e dell'ostilità dell'Occidente, il video incontro di Xi e Putin mostra la risoluzione dei due paesi di approfondire i legami bilaterali e lavorare insieme per salvaguardare la stabilità strategica globale, secondo gli esperti cinesi.

L'incontro tra Biden e Putin del 16 giugno si è concluso senza significativi traguardi, sebbene avesse dimostrato che le tensioni USA-Russia si sono un po' allentate. Ma l'attenzione globale è stata posta sul fatto che questo incontro cambierà il corso delle relazioni Cina-Russia poiché i media statunitensi hanno ipotizzato che l’amministrazione Biden punti a giungere a una rottura della partnership tra Russia e Cina. Alleanza che Washington vede come una minaccia crescente. Soprattutto in questa fase dove il declino statunitense è sempre più evidente, con una Cina che contestualmente continua la sua crescita impetuosa. 

La tempistica di questo incontro online mostra che i due leader attribuiscono grande importanza ai legami bilaterali e al partenariato strategico di alto livello, afferma Yang Jin, ricercatore associato presso l'Istituto di studi russi, dell'Europa orientale e dell'Asia centrale nell'ambito dell'Accademia cinese delle relazioni sociali Scienze, come riferisce il quotidiano cinese Global Times. 

Il 1 giugno il consigliere di Stato cinese e ministro degli Esteri Wang Yi ha affermato che il trattato ha plasmato un nuovo tipo di relazioni tra Cina e Russia. "Le due parti hanno sempre considerato il sostegno reciproco come il modo fondamentale per andare d'accordo, il vantaggio reciproco e la cooperazione vantaggiosa per tutti come il principio fondamentale della cooperazione, l'amicizia Cina-Russia come la cosa più preziosa da trasmettere di generazione in generazione per la pace mondiale”, ha affermato Wang. 

Al momento della firma del trattato, sia la Russia che la Cina hanno affrontato i problemi della transizione in complicate relazioni internazionali. Molto prima dell’attentato dell'11 settembre, in Medio Oriente sono avvenute guerre, inclusa la Guerra del Golfo. Dopo l'11 settembre, gli Stati Uniti e l'Occidente hanno intensificato l'interferenza in Medio Oriente e causato disordini regionali. 
La Russia ha dovuto affrontare una grande pressione da parte dell'Occidente, compresa l'espansione della NATO a est e la lotta per la sfera di influenza nell'Europa centrale e orientale, ha osservato Yang. 

Anche la Cina si è trovata a dover fronteggiare sfide in materia di sviluppo e sicurezza, in particolare nel campo della sicurezza: come difendere le sue regioni occidentali e affrontare i problemi nel Mar Cinese Meridionale e Orientale. In questo contesto e sulla base delle reciproche esigenze, Cina e Russia hanno firmato il trattato. L'uguaglianza non contiene solo il rispetto reciproco della posizione politica dell'altro, ma anche il rispetto delle scelte dell'altro.

Il perdurare dell’alleanza tra Russia e Cina, paesi che sono anche alla testa del nuovo ordine multipolare euroasiatico emergente, dovrebbe far gioire tutti i sinceri amanti della pace mondiale. Come osservava Fidel Castro, l’alleanza tra "le due grandi potenze," Mosca e Pechino, è in grado di fermare le pericolose derive nel mondo che minacciano oggi l'esistenza del genere umano. "La profonda alleanza dei popoli della Federazione Russa e la Cina basato sulla scienza, su eserciti forti e soldati coraggiosi è in grado di garantire la sopravvivenza del genere umano”. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Camilla e la città di Omelas di Antonio Di Siena Camilla e la città di Omelas

Camilla e la città di Omelas

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti