Putin: la de-dollarizzazione dei BRICS è “irreversibile”

Putin: la de-dollarizzazione dei BRICS è “irreversibile”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il presidente russo Vladimir Putin ha tenuto un discorso nell'ambito del business forum BRICS, in corso  nella città sudafricana di Johannesburg. Il presidente russo ha partecipato all'evento in videoconferenza.

Secondo il leader russo, gli incontri del gruppo "svolgono un grande ruolo pratico nel promuovere il commercio e gli investimenti reciproci, rafforzando i legami di cooperazione, ampliando il dialogo diretto tra le comunità imprenditoriali", e quindi contribuiscono allo sviluppo economico dei paesi membri e alla realizzazione degli obiettivi di “crescita sostenibile”.

De-dollarizzazione

Il presidente russo ha sottolineato che esiste una "significativa pressione inflazionistica" causata, tra gli altri fattori, dalle "azioni irresponsabili" di un certo numero di paesi nell'emettere moneta, attenuando così le conseguenze della pandemia. "Una grave influenza negativa viene esercitata anche sulla situazione economica internazionale con la pratica illegittima delle sanzioni, il congelamento illegale dei beni di Stati sovrani e, di fatto, il calpestio di tutte le norme e regole fondamentali del libero scambio e della vita economica", ha lamentato.

Nel frattempo, Putin ha ricordato la cooperazione economica dei paesi BRICS cresce. Pertanto, il commercio della Russia con i suoi partner del gruppo ha superato i 230 miliardi di dollari. "Il processo verso l'obiettivo irreversibile della de-dollarizzazione dei nostri legami economici si sta rafforzando".

Nel suo discorso ha anche affermato che il gruppo BRICS sta sfidando il Gruppo dei Sette (G7) in termini economici. "La quota dei paesi [BRICS], con più di 3 miliardi di abitanti, ha raggiunto quasi il 26% del PIL mondiale, e in parità di potere d'acquisto, il Gruppo dei Cinque sta superando il Gruppo dei Sette: la previsione per il 2023 è del 31,5% contro 30%", ha avvertito.

Inoltre, Putin ha spiegato che i paesi BRICS affronteranno a Johannesburg "l'intera gamma di questioni relative al passaggio alle valute nazionali in tutte le direzioni della cooperazione economica " .

Accordo sul grano

Il presidente russo ha ribadito che Mosca sostiene il rafforzamento della cooperazione all’interno del blocco per garantire l’approvvigionamento di risorse energetiche e alimentari sui mercati internazionali.

"Alla Russia pongono deliberatamente ostacoli per la fornitura di cereali e fertilizzanti all'estero e, allo stesso tempo, ci incolpato ipocritamente della situazione di crisi che si è creata sul mercato internazionale", ha denunciato Putin, sottolineando che non è stata rispettata "nessuna delle disposizioni " dell'accordo sui cereali legato alla revoca delle sanzioni contro le esportazioni russe di cereali e fertilizzanti.

Inoltre, ha precisato che Mosca ha sospeso la sua partecipazione al suddetto patto, ma ha espresso la volontà di riprenderne l'esecuzione se tutti gli obblighi saranno adempiuti.

“I BRICS sono contro ogni egemonia, esclusività promossa da alcuni Paesi e la politica del neocolonialismo”

Il Capo di stato russo ha evidenziato che il blocco si occupa della soluzione delle "questioni più urgenti dell'agenda globale" e sostiene la formazione di un ordine mondiale giusto, basato sul diritto internazionale.

"Siamo contrari a qualsiasi egemonia, all'esclusività promossa da alcuni paesi e, sulla base di questo postulato, alla nuova politica, la politica [...] del neocolonialismo"

Putin ha ribadito che l'intenzione di numerosi paesi di preservare la propria egemonia ha causato una grave crisi in Ucraina. "Le nostre azioni in Ucraina sono dettate da una cosa: porre fine alla guerra scatenata dall'Occidente e dai suoi satelliti in Ucraina contro la popolazione che vive nel Donbass”.

In questo contesto il capo dello Stato russo ha ringraziato i colleghi del gruppo BRICS che partecipano ai tentativi di trovare una soluzione pacifica al conflitto.

Infine, Putin ha annunciato che il prossimo vertice dei leader del gruppo dovrebbe tenersi nell'ottobre 2024 nella città russa di Kazan.

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti