PUTIN: "NON SI DOVEVA DISTRUGGERE L'URSS"

PUTIN: "NON SI DOVEVA DISTRUGGERE L'URSS"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


"Il Partito comunista dell'Unione Sovietica avrebbe dovuto trasformare il blocco in un'entità democratica piuttosto che vederlo crollare". Lo ha dichiarato il presidente russo Vladimir Putin.



"La mia opinione sul crollo dell'Unione Sovietica è che non c'era alcun bisogno di farlo. Si sarebbe dovuto procedere con riforme per aumentare il carattere democratico", ha dichiarato Putin ai leader dei partiti che si sono aggiudicati i seggi parlamentari nell'ultima elezione della Duma. 

"Ma voglio sottolineare che è stato il Partito comunista responsabile delle sorti della nostra antica patria, l'URSS, non altri", ha aggiunto Putin.

Il partito comunista della Russia, erede di quello sovietico, è tra le forze politiche rappresentate nel nuovo parlamento della Russia. Il leader del partito, Gennady Zyuganov, ha denunciato un comportamento sleale durante la campagna elettorale che gli ha impedito di ottenere più deputati.

Nell'aprile 2005, Putin aveva definito il collasso dell'URSS "la più grande catastrofe geopolitica del secolo scorso" in un discorso pubblico per il Parlamento russo. Questa citazione è stata diffusa dai mass media internazionali come la prova che il Cremlino stesse per tornare al comunismo. Tuttavia, il leader russo ha sempre precisato che le sue parole si riferissero solo all'effetto tragico della vita dei cittadini russi.

FONTE: RT

Potrebbe anche interessarti

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde di Marinella Mondaini La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde

La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese   di Bruno Guigue Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno di Gilberto Trombetta Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria di Michelangelo Severgnini Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

La nuova forma di psicologia del mondo digitale di Damiano Mazzotti La nuova forma di psicologia del mondo digitale

La nuova forma di psicologia del mondo digitale