Putin: piano di pace in Ucraina e nuovo sistema di sicurezza europeo

Putin: piano di pace in Ucraina e nuovo sistema di sicurezza europeo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Presidente russo Vladimir Putin ha discusso le principali questioni di politica internazionale in un incontro con i vertici del Ministero degli Esteri. Tra i temi affrontati, la situazione in Ucraina, i compiti delle Forze di Difesa e il partenariato con i Paesi amici.

Di seguito i temi chiave toccati da Putin riportati dal quotidiano Izvestia.

Sui compiti del Ministero degli Affari Esteri

Vorrei ringraziarvi per il vostro duro lavoro nell’interesse della Russia e del nostro popolo. Dall’ultimo incontro del 2021 si sono verificati molti eventi importanti. Penso che sia importante valutare gli eventi e fissare i compiti per il dipartimento di politica estera. Tutti mirano a rafforzare la sovranità, la sicurezza e a migliorare il benessere dei cittadini.

Sui cambiamenti nel mondo

Il mondo sta cambiando rapidamente. Non sarà più lo stesso né in politica né in economia. Sempre più Stati si sforzano di rafforzare la sovranità e di sostenere i valori culturali. È importante essere in grado non solo di rispondere alle sfide, ma anche di definire la nostra agenda. Insieme ai partner per discutere di questioni politiche, economiche e di altro tipo.

I Paesi del Sud globale: Asia, Africa e America Latina stanno diventando importanti. Sulla base della nuova realtà, si stanno formando i contorni di un mondo multipolare.

I principi del multipolarismo e del multilateralismo, il rispetto del diritto internazionale consentono di costruire relazioni per il bene comune. Questa immagine del futuro è in linea con le aspirazioni della maggioranza. L'uguaglianza sovrana, il rispetto e il dialogo fiducioso sono in primo piano.

BRICS

La Russia faciliterà l'inclusione senza problemi di nuovi membri nei BRICS. Il potenziale dei BRICS permetterà loro di diventare in futuro una delle istituzioni centrali dell'ordine mondiale multipolare.

I Paesi del Sud Globale e dell'Est stanno salendo alla ribalta della politica mondiale, mentre il ruolo dell'Africa e dell'America Latina sta crescendo rapidamente. La democratizzazione del sistema di relazioni internazionali è in corso, abbiamo concordato e adottato un documento sulla cooperazione in un mondo multipolare con i nostri partner della CSI e li invitiamo ad aderire alla SCO e ai BRICS.

Sul collasso della sicurezza euro-atlantica

L'egoismo e l'arroganza degli Stati occidentali hanno portato a un punto di non ritorno. I politici occidentali o non comprendono la portata delle minacce alle loro politiche o sono ossessionati dalla convinzione della propria impunità e del proprio eccezionalismo. Entrambe le cose possono rivelarsi tragiche. Gli appelli alla sconfitta strategica della Russia, che possiede il più grande arsenale di armi nucleari, dimostrano l'estremo avventurismo dei politici occidentali.

Stiamo assistendo al crollo della sicurezza euro-atlantica. In realtà, è necessario crearla di nuovo, per formulare i contorni di una nuova sicurezza in Eurasia.

1. È necessario stabilire un dialogo con tutti i partecipanti al processo, per adattarsi a un dialogo con la Russia.

2. L'architettura di sicurezza è aperta a tutti i Paesi, compresi quelli europei e della NATO. Dovremo coesistere e lavorare insieme in un modo o nell'altro.

3. Il pericolo per l'Europa non viene dalla Russia, ma dagli Stati Uniti. L'Europa viene sempre più spinta ai margini dello sviluppo geopolitico e privata della sua identità culturale.

Siamo interessati a garantire che il dialogo con i nostri colleghi sia seriamente sviluppato all'interno delle Nazioni Unite, anche su un tema fondamentale e vitale come la creazione di un sistema di sicurezza indivisibile, in altre parole, l'affermazione negli affari mondiali del principio che la sicurezza di alcuni non può essere garantita a scapito della sicurezza di altri.

Alla fine del XX secolo, dopo la fine dell'acuto confronto militare-ideologico, la comunità mondiale aveva un'occasione unica: un ordine di sicurezza affidabile ed equo. Per questo non era necessario molto: la semplice capacità di ascoltare le opinioni di tutte le parti interessate e la reciproca disponibilità a tenerne conto. Il nostro Paese era determinato a svolgere un lavoro così costruttivo. Tuttavia, ha prevalso un approccio diverso.

Le promesse non mantenute dell'Occidente all'URSS e alla Russia

Le potenze occidentali, guidate dagli Stati Uniti, ritenevano di aver vinto la Guerra Fredda e di avere il diritto di stabilire da sole come organizzare il mondo. L'espressione pratica di questa visione del mondo fu l'espansione illimitata del blocco nordatlantico nello spazio e nel tempo.

Alle nostre giuste osservazioni si rispondeva con scuse, dicendo che nessuno avrebbe attaccato la Russia e che l'espansione della NATO non era diretta contro la Russia. Le promesse fatte all'Unione Sovietica e poi alla Russia alla fine degli anni '80 e all'inizio degli anni '90 sulla non inclusione di nuovi membri nel blocco furono tranquillamente dimenticate.

Sul degrado degli Stati Uniti

Per quanto riguarda gli Stati Uniti, i continui tentativi delle élite liberal-globaliste che vi governano oggi di diffondere la loro ideologia in tutto il mondo con ogni mezzo, di preservare il loro status imperiale e il loro dominio non fanno altro che esaurire sempre di più il Paese, portarlo al degrado ed entrare in chiara contraddizione con i veri interessi del popolo statunitense.

Sul furto di beni russi

Stanno pensando a come fornire una base legale per il furto dei beni russi. Ma nonostante tutti gli agganci, il furto rimarrà certamente un furto.

È ormai evidente a tutti i fondi che le loro riserve non sono sicure né in senso fisico né in senso giuridico. C'è già una crescente sfiducia nel sistema finanziario occidentale, anche se non molto tempo fa era considerato il luogo più sicuro per immagazzinare capitali.

Le pressioni degli Stati Uniti sui suoi satelliti europei

L'Occidente non ha solo minato la stabilità militare e politica del mondo con le sue azioni. Attraverso sanzioni e guerre commerciali, ha screditato le principali istituzioni di mercato, come il FMI e la Banca Mondiale. Stravolgendo l'agenda sul clima, ha soffocato lo sviluppo del Sud globale. Perdendo nella competizione, anche in base alle regole che l'Occidente ha scritto per sé, utilizza barriere proibitive e ogni tipo di protezionismo.
Inoltre, gli Stati Uniti esercitano pressioni non solo sui concorrenti, ma anche sui propri satelliti. Basta guardare come stanno ora pompando energia dalle economie europee che sono sull’orlo della recessione.

Sui tentativi di decolonizzazione della Russia

L'obiettivo della politica di contenimento del nostro Paese è già stato dichiarato dall'Occidente. Si tratta di un tentativo di cosiddetta decolonizzazione della Russia, e in realtà di un tentativo di smembrare il nostro Paese lungo le linee nazionali. Si sta facendo di tutto per dividere e mettere i nostri popoli gli uni contro gli altri.

Sul colpo di Stato in Ucraina e sul conflitto

Si è preparato in modo coerente e mirato un colpo di Stato armato. I nazionalisti hanno preso il potere a Kiev e hanno elevato i loro slogan al rango di politica statale. Milioni di ucraini, compresi quelli dell'Ucraina orientale, si sono opposti al colpo di Stato in Ucraina.

La crisi ucraina non è un conflitto tra due Stati, tanto meno tra due popoli, perché se così fosse, russi e ucraini avrebbero trovato un modo per risolvere la questione. Ma questa crisi è il risultato di politiche occidentali avventurose e le sue conseguenze si ripercuotono in tutto il pianeta.

La Russia non ha iniziato la guerra. È stato il regime di Kiev a iniziare le ostilità contro il Donbass.

Sulle bugie dei politici ucraini e sull'interferenza occidentale nel conflitto

Il sud-est dell'Ucraina ha fatto parte per secoli della grande Russia storica. Lì vivevano e vivono tuttora persone che, anche dopo la dichiarazione di indipendenza del 1991, erano favorevoli a buone e strette relazioni con il nostro Paese.

Le posizioni di milioni di queste persone dovevano essere prese in considerazione dai presidenti e dai politici ucraini di allora. Ma, sfruttando queste voci, hanno distorto, manovrato, mentito molto, parlando della cosiddetta scelta europea. Non hanno osato fare una rottura totale con la Russia, perché il sud-est dell'Ucraina aveva un atteggiamento diverso.

L'Occidente, ovviamente, se n'è accorto da tempo e si è reso conto dei problemi che si sarebbero potuti creare.

Sui colloqui di pace e sugli accordi di Minsk "buttati nel cestino"

Per fermare lo spargimento di sangue nel 2014, la Russia ha chiesto colloqui, che sono iniziati con le repubbliche del Donbass, Kiev e con l'aiuto di Russia e Germania. I colloqui sono stati difficili, ma gli accordi di Minsk sono stati conclusi nel 2015. 

Abbiamo preso la loro attuazione con la massima serietà. Speravamo di risolvere la situazione nel quadro del processo di pace e del diritto internazionale. Confidavamo che ciò avrebbe portato a prendere in considerazione gli interessi e le richieste legittime del Donbass e che lo status speciale di queste regioni e i diritti fondamentali delle persone che vi abitano sarebbero stati sanciti nella Costituzione, preservando al contempo l'unità territoriale dell'Ucraina.

Ma alla fine tutto è stato respinto. Gli accordi di Minsk sono stati semplicemente gettati nel cestino dal governo ucraino.

Sugli obiettivi e l'inizio dell’Operazione Speciale

Il 24 febbraio 2022 la Russia è stata costretta ad annunciare l'inizio dell’operazione militare speciale. Gli obiettivi erano la protezione della popolazione del Donbass, il ripristino della pace e quindi la fine della minaccia per il nostro Stato. Durante i negoziati, abbiamo cercato di trasmettere il messaggio principale: rispettare la scelta del Donbas, smettere di bombardare le città.

Sull'avvicinamento a Kiev

Le nostre truppe si sono effettivamente avvicinate a Kiev nel marzo 2022. Ci sono molte speculazioni al riguardo sia in Ucraina che in Occidente.

I reparti militari avevano proposte diverse per ulteriori azioni. Ma non c'è stata alcuna decisione politica di prendere d'assalto una città di tre milioni di persone. In realtà, si trattava di un'operazione di pace per porre fine alla guerra scatenata nel 2014. E, stranamente, è stato possibile raggiungere accordi che sono stati siglati a Istanbul. Il documento si chiamava Trattato sulla neutralità permanente dell'Ucraina.

Sul riconoscimento della legittimità delle esigenze di sicurezza dell'Ucraina

Da parte nostra, comprendendo le preoccupazioni dell'Ucraina in materia di sicurezza, abbiamo concordato che l'Ucraina, senza aderire formalmente alla NATO, avrebbe ricevuto garanzie virtualmente simili a quelle di cui godono i membri di tale alleanza.

Non è stata una decisione facile per noi, ma abbiamo riconosciuto la legittimità delle richieste dell'Ucraina di garantire la propria sicurezza e, in linea di principio, non ci siamo opposti alla formulazione proposta da Kiev.

Vorrei rendere pubblico un altro episodio.

Dopo che l'esercito russo ha occupato parti delle regioni di Kherson e Zaporozhye, molti politici hanno offerto la loro mediazione per risolvere il conflitto. Uno di loro era in visita a Mosca il 5 marzo 2022. Abbiamo accettato i suoi sforzi di mediazione. Tanto più che sosteneva di essersi assicurato il sostegno di Germania, Francia e Stati Uniti.

Rispondendo alle sue domande sui movimenti delle truppe, gli abbiamo detto che il piano prevedeva di aggirare parte delle fortificazioni per liberare Mariupol. L'uomo ci ha chiesto se le truppe russe fossero rimaste nelle regioni di Kherson e Zaporizhzhya e cosa sarebbe successo alla regione dopo l’operazione militare.

Non abbiamo escluso che la terra venga restituita all'Ucraina, ma Kiev deve garantire una servitù, un libero accesso alla Crimea. Da parte nostra, una tale decisione non sarebbe stata presa unilateralmente, ma solo dopo consultazioni. Alla fine, abbiamo fatto ciò che la popolazione del Donbass ha deciso.

In quel momento, il partner negoziale ha dichiarato che intendeva recarsi a Kiev per continuare i negoziati. Tuttavia, in Ucraina i servizi del mediatore occidentale non solo non sono stati accettati, ma è stato anche accusato di assumere posizioni filorusse.

Sull'usurpazione del potere da parte di Zelensky

Il mandato della presidenza di Vladimir Zelenski è scaduto, la sua legittimità non può essere ripristinata in alcun modo. L'attuale annullamento delle elezioni è uno "spettacolo". E ora il cerchio si chiude, il potere è usurpato e detenuto illegalmente.

La Costituzione dell'Ucraina non prevede il rinvio o l'annullamento delle elezioni presidenziali o la continuazione dei suoi poteri in tempo di guerra. Questo è l'articolo 83 della Costituzione. Durante la legge marziale possono essere rinviate solo le elezioni della Verkhovna Rada.

Allo stesso tempo, in virtù degli articoli 105 e 106 della Costituzione, il presidente della Verkhovna Rada è dotato di poteri speciali in tempo di guerra. In altre parole, la Verkhovna Rada è oggi un organo legittimo, a differenza del ramo esecutivo. L'Ucraina non è una repubblica presidenziale, ma parlamentare-presidenziale.

Sui tentativi "idioti" di trovare una soluzione pacifica senza la partecipazione della Russia

Senza la partecipazione della Russia, senza un dialogo onesto e responsabile con noi, è impossibile raggiungere una soluzione pacifica in Ucraina e la sicurezza europea globale in generale. Mentre l'Occidente ignora i nostri interessi e proibisce a Kiev di negoziare, allo stesso tempo ci invita ipocritamente a un qualche tipo di negoziato.

E insinua anche che ci rifiutiamo di negoziare. Sembra semplicemente un'idiozia.

I risultati della conferenza di pace sull'Ucraina che si terrà in Svizzera si ridurranno presumibilmente a nuove accuse contro la Russia e a discorsi demagogici. Allo stesso tempo, la Russia non è stata invitata alla conferenza.

Tuttavia, fin dai primi giorni abbiamo fatto sforzi per i negoziati: sia a Minsk che in Turchia. Ma tutte le nostre proposte sono state respinte.

Proposta di pace della Russia

Oggi avanziamo un'altra proposta di pace concreta e realistica. Se Kiev e le capitali occidentali la rifiuteranno allo stesso modo (dopo tutto, è una questione di responsabilità morale e politica per lo spargimento di sangue), allora la situazione sulla linea di contatto continuerà a cambiare non a favore del regime di Kiev.

E le condizioni per i negoziati saranno diverse.

Sottolineo: non stiamo parlando di una tregua temporanea o di un congelamento del conflitto, come vuole l'Occidente per riarmare il regime di Kiev, ma della sua conclusione definitiva. Non appena Kiev sarà d'accordo, siamo pronti a iniziare i negoziati senza indugio.

La nostra posizione di principio è lo status neutrale, non allineato e non nucleare dell'Ucraina, la sua smilitarizzazione e denazificazione.

Naturalmente, i diritti, le libertà e gli interessi dei cittadini di lingua russa in Ucraina devono essere pienamente garantiti e devono essere riconosciute le nuove realtà territoriali: lo status della Crimea, di Sebastopoli, delle regioni DNR, LNR, Kherson e Zaporozhye come entità costitutive della Federazione Russa. 

In futuro, tutte queste disposizioni di principio dovranno essere fissate sotto forma di accordi internazionali fondamentali. Naturalmente, ciò implica anche la cancellazione di tutte le sanzioni occidentali contro la Russia.
Un nuovo sistema di sicurezza europeo

Credo che la Russia stia proponendo un'opzione che permetterà di porre effettivamente fine alla guerra in Ucraina e di voltare una tragica pagina della storia. E di iniziare, seppur con difficoltà e gradualità, passo dopo passo, a ripristinare i rapporti di fiducia tra Russia e Ucraina e in Europa nel suo complesso.

Risolta la crisi ucraina, noi e i nostri partner della CSTO e della SCO, così come gli Stati occidentali ed europei, siamo pronti al dialogo e potremmo iniziare il compito fondamentale di creare un sistema indivisibile di sicurezza eurasiatica che tenga conto degli interessi di tutti gli Stati.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA di Andrea Puccio TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti