Putin spiega gli effetti negativi del ritiro degli Stati Uniti dall'accordo nucleare iraniano

Putin spiega gli effetti negativi del ritiro degli Stati Uniti dall'accordo nucleare iraniano

Il ritiro degli Stati Uniti dal JCPOA riguarda la questione generale della non proliferazione nucleare, ha dichiarato ieri il presidente russo Vladimir Putin.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


"Tutti sono preoccupati per la situazione intorno al JCPOA sul programma nucleare iraniano. Il ritiro da questo accordo ha complicato significativamente la sua attuazione e ha un impatto negativo sulla situazione generale riguardo al regime di non proliferazione nucleare", ha spiegato Putin durante il summit della Conferenza sulle misure di interazione e rafforzamento della fiducia in Asia (CICA).


Ha aggiunto che la Russia vede la continuazione dei suoi obblighi nell'ambito dell'accordo come l'unica soluzione ragionevole in questa situazione.
 
A sua volta, il presidente iraniano Hassan Rouhani ha affermato che Teheran non potrebbe rimanere l'unica parte ad adempiere gli obblighi previsti dall'accordo sul nucleare e ha esortato altre parti a compiere sforzi per mantenere l'accordo.
 
"Nonostante il ritiro degli Stati Uniti e la ripresa delle sanzioni, nonché il sostegno insignificante a delle parti dell'accordo, rimaniamo convinti che l'attuazione degli obblighi assunti da tutte le parti correlate avrà un ruolo importante nel miglioramento della stabilità regionale e internazionale", ha concluso.
 

Potrebbe anche interessarti

A voi che vi indignate per le parole di Renzi... di Paolo Desogus A voi che vi indignate per le parole di Renzi...

A voi che vi indignate per le parole di Renzi...

Ancora lo chiamate incidente? Ma vergognatevi è un omicidio di Giorgio Cremaschi Ancora lo chiamate incidente? Ma vergognatevi è un omicidio

Ancora lo chiamate incidente? Ma vergognatevi è un omicidio

Lo Stato stratega, motore del successo cinese   di Bruno Guigue Lo Stato stratega, motore del successo cinese

Lo Stato stratega, motore del successo cinese

La Stampa parla apertamente di "governo militare" di Thomas Fazi La Stampa parla apertamente di "governo militare"

La Stampa parla apertamente di "governo militare"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti