Qual è il bilancio di Putin dopo l'incontro con Biden?

Qual è il bilancio di Putin dopo l'incontro con Biden?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il presidente della Russia, Vladimir Putin, dopo la fine del vertice con il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, che si è tenuto questo mercoledì a Villa La Grange a Ginevra (Svizzera) ha tenuto una conferenza stampa nel corso della quale sono state valutate le tematiche affrontate e realizzato il bilancio di questo summit.

Il ritorno degli ambasciatori

All'inizio della sua conferenza stampa, Putin ha dichiarato che entrambi i leader hanno accettato di riportare gli ambasciatori russo e statunitense a Washington e Mosca presso le rispettive ambasciate. "Abbiamo risolto questo problema. Gli ambasciatori torneranno al loro posto di lavoro domani o dopodomani. Questa è una questione tecnica", ha detto Putin.

Allo stesso modo, il presidente russo ha sottolineato che dopo l'incontro, il ministero degli Esteri russo e il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti "avvieranno consultazioni sull'intera agenda dell'interazione diplomatica". "Ci sono molte questioni in sospeso", sostenendo che "entrambe le parti [...] sono pronte a trovare soluzioni".

Sicurezza informatica

Come annunciato prima dell'incontro, i presidenti hanno discusso di sicurezza informatica . Il presidente russo ha osservato che entrambi i paesi hanno concordato di avviare consultazioni in questo ambito. "Stiamo avviando consultazioni su questo argomento. A mio parere, questo problema è di importanza globale".

In questo senso, il presidente della Russia ha sottolineato la necessità di "scartare ogni tipo di insinuazione, sedersi a livello di esperti e iniziare a lavorare per gli interessi degli Stati Uniti e della Federazione Russa, […] siamo d'accordo in linea di principio, e la Russia è pronta per questo", ha riferito.

Facendo riferimento a fonti statunitensi, Putin ha affermato che la maggior parte degli attacchi informatici proviene dal territorio statunitense, poi dal Canada e da due paesi dell'America Latina.

Stabilità strategica

Una delle questioni discusse è stata la stabilità strategica e Putin ha ribadito che entrambi i leader hanno concordato di avviare un dialogo bilaterale integrato su tale questione per creare le basi per il futuro controllo degli armamenti e le misure di mitigazione dei rischi.

Relazioni tra Russia e Stati Uniti

Mosca deve essere "cauta" riguardo al sostegno di Washington ad alcune organizzazioni politiche in Russia, poiché gli stessi Stati Uniti hanno dichiarato il Paese eurasiatico un avversario, ha affermato Putin.

Putin ha ricordato che, nel 2017, il Congresso degli Stati Uniti ha dichiarato Mosca sua "nemica e rivale" e ha introdotto nella sua legislazione disposizioni sulla necessità di sostenere i processi democratici e le organizzazioni politiche in Russia.

Possibile scambio di prigionieri

Inoltre, Putin e Biden hanno anche discusso di un possibile scambio di prigionieri. "Ne abbiamo parlato, il presidente Biden ha sollevato questo problema riguardo ai cittadini americani".

"Lì si possono trovare certi compromessi . Il ministero degli Esteri russo e il Dipartimento di Stato americano lavoreranno in questa direzione", ha aggiunto.

Il caso Navalny

Commentando il caso di Alexei Navalny, Putin ha affermato che l'oppositore "sapeva di aver violato la legge in vigore in Russia" , precisando che doveva comparire periodicamente davanti alle autorità, essendo una persona condannata due volte al carcere con condizionale.

Il presidente russo ha evidenziato che l'oppositore "ha ignorato consapevolmente questo requisito legale", è andato all'estero per cure e le autorità non gli hanno chiesto di tornare. Dopo aver lasciato l'ospedale, Navalny ha pubblicato i materiali del suo lavoro investigativo e poi le forze dell'ordine hanno chiesto il suo ritorno, ma non è tornato e la loro ricerca è iniziata. Quando è tornato in Russia, è stato arrestato. Putin è giunto alla conclusione che Navalny voleva essere arrestato. "Ha fatto quello che voleva".

Situazione in Ucraina

Putin ha indicato di aver affrontato anche la questione della situazione in Ucraina e Biden concorda sul fatto che la soluzione del conflitto in Donbass debba basarsi sugli accordi di Minsk.

In questo contesto, il presidente ha ribadito che le proposte di Kiev per ottenere il controllo del confine prima delle elezioni in Donbass contraddicono gli accordi raggiunti.

L'Artico

Putin ha parlato anche del processo di sfruttamento dell'Artico, ritenendo che Mosca e Washington possano collaborare in quest'area.

Per quanto riguarda le preoccupazioni degli Stati Uniti sulla militarizzazione della regione, il presidente russo ha replicato che non hanno alcun fondamento. "Non facciamo nulla lì di diverso dai tempi dell'Unione Sovietica, ricostruiamo le infrastrutture perdute, completamente distrutte ad un certo punto".

Il movimento Black Lives Matter

Durante la sua conferenza stampa, Putin ha anche commentato i disordini scoppiati negli Stati Uniti dopo la morte dell'afroamericano George Floyd. "Gli Stati Uniti hanno recentemente affrontato eventi molto gravi in seguito all'omicidio di un afroamericano e alla creazione del movimento Black Lives Matter".

Il presidente ha ribadito che la Russia "simpatizza con gli americani" e non vuole che ciò accada sul suo territorio.

Valutazione del vertice

Descrivendo lo svolgimento dell'incontro a Ginevra, Putin ha dichiarato che "non c'è stata ostilità". "Al contrario, il nostro incontro si è svolto con principi. Certo, abbiamo divergenze su molte opinioni, ma, in ogni caso, entrambe le parti hanno dimostrato la volontà di capirsi e di trovare vie di convergenza di posizioni".

"La conversazione è stata molto costruttiva", ha sottolineato.

Putin ha anche chiarito che l'incontro con il presidente degli Stati Uniti non gli ha lasciato nuove illusioni. "Non mi ha lasciato nuove illusioni, né è che io abbia avuto vecchie illusioni. Non ci sono illusioni e non possono esserci", rispondendo a una domanda di un giornalista russo.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti