Quale la maggiore minaccia degli Usa? Il Pentagono smentisce Biden

Quale la maggiore minaccia degli Usa? Il Pentagono smentisce Biden

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Una volta gli Stati Uniti d'America identificavano una minaccia che minava i suoi interessi, la propinavano ai loro media ed il gioco era fatto: il comunismo, il terrorismo islamico e via dicendo.

Oggi non sembra così, c'è un po' di confusione tra l'inquilino della casa Bianca e il Pentagono.

L'ufficiale in uniforme di più alto grado del Pentagono ha affermato che Pechino e Mosca sono le maggiori minacce per gli Stati Uniti, in qualche modo sottovalutando il presidente Joe Biden, che di recente ha messo il cambiamento climatico in cima alla lista.

Alla domanda sul commento di Biden durante un'audizione della commissione del Senato giovedì, il generale Mark Milley, presidente dei capi di stato maggiore congiunti, ha suggerito che il presidente stava parlando in modo più vago riguardo alle più grandi minacce della nazione, nominando invece due "avversari" stranieri.

"Il cambiamento climatico ha un impatto, ma il presidente sta guardando da una prospettiva molto più ampia di me", ha spiegato, rispondendo a una domanda del senatore Kevin Cramer (R-North Dakota).

Mercoledì, durante una visita con le truppe americane di stanza nel Regno Unito, Biden ha ricordato una precedente discussione avuta con alti funzionari del Pentagono. "Questo non è uno scherzo. Sai cosa ci hanno detto i capi congiunti che la più grande minaccia per l'America era? Il riscaldamento globale", aveva sostenuto il presidente nordamericano. 

Ha aggiunto, tuttavia, che la conversazione ha avuto luogo subito dopo essere diventato vicepresidente con Barack Obama, il che significa che all'epoca erano presenti diversi funzionari, prima del mandato di Milley come presidente dei capi congiunti. 

Anche l'ex presidente Donald Trump si è soffermato sull'osservazione di Biden , chiedendo di porre fine ai capi congiunti per i loro consigli sui cambiamenti climatici, apparentemente sotto l'impressione che provenissero dagli attuali funzionari.

“Biden ha appena detto che gli è stato riferito dai capi di stato maggiore congiunti che il cambiamento climatico è la nostra più grande minaccia. Se è così, e lo hanno effettivamente detto, dovrebbe licenziare immediatamente i capi di stato maggiore congiunti per incompetenza!”  ha sentenziato Trump ha  in una dichiarazione inviata via e-mail ai media. 

Nonostante abbia minimizzato il problema rispetto alle forze armate straniere, il generale Milley, tuttavia, ha continuato dicendo che il cambiamento climatico rappresentava una "minaccia" e poteva avere un "impatto significativo sulle operazioni militari",.

Il senatore Cramer è rimasto poco convinto, rispondendo: "Penso solo che sia strano che il presidente vada in un altro continente e dica ai nostri membri del servizio lì che la minaccia numero uno è il cambiamento climatico, sebbene lo sia."

.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Cuba e i numeri Covid   di Francesco Santoianni Cuba e i numeri Covid

Cuba e i numeri Covid

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo di Marinella Mondaini Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti