/ Quanto petrolio ha la Siria e chi lo controlla?

Quanto petrolio ha la Siria e chi lo controlla?

 

Gli Stati Uniti hanno chiarito che la loro priorità in Siria è il petrolio e hanno ripreso il monitoraggio dei giacimenti petroliferi nel nord-ovest del paese. Sputnik analizza quanto oro nero ha la Siria e chi lo controlla


Il presidente siriano Bashar al Assad ha descritto Donald Trump come il miglior presidente nella storia degli Stati Uniti perché parla sinceramente dei suoi obiettivi di accaparrarsi del petrolio in Siria.
 
"Cosa potrebbe esserci di meglio che avere un nemico sincero", ha detto Assad.
 
Secondo la US Energy Information Administration, prima della guerra e dell'introduzione di sanzioni contro la Siria, il paese produceva una media di circa 400.000 barili di petrolio al giorno (dati del 2010).
 
ISIS e petrolio siriano
 
Mentre il paese precipitava nella guerra, i terroristi iniziarono a prendere il controllo di grandi territori, compresa la parte centrale e nord-orientale del paese, ricca di idrocarburi, chiudendo e interrompendo la produzione e il trasporto di greggio.
 
Per il 2013, la produzione totale di petrolio del paese è scesa a 50.000 barili al giorno. Il gruppo terroristico dell'ISIS ha iniziato a stabilire il suo califfato nell'Iraq occidentale e nel nord della Siria, catturando tre quarti delle riserve petrolifere della Repubblica araba nella provincia di Deir Ezzor, ricca di petrolio.

Nel settembre 2015 la Russia si è unita a Damasco nella lotta contro l'ISIS. A causa degli attacchi russi, i terroristi hanno perso più della metà delle entrate petrolifere che hanno estratto illegalmente nel territorio siriano.
 
La parte americana
 
Mentre l'esercito siriano si concentrava sulla liberazione della parte occidentale del paese, le forze democratiche siriane guidate dai curdi e dai loro alleati statunitensi presero il controllo della maggior parte del nord-est del paese, compresi i territori ricchi di petrolio a est del Fiume Eufrate.
 
Il 26 ottobre 2019, l'intelligence russa ha rivelato che gli Stati Uniti beneficiano del contrabbando di greggio siriano.
I guadagni mensili di questo business dalle agenzie federali statunitensi superano i 30 milioni di dollari, ha dichiarato il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konassenkov.
 
Secondo i dati dell'intelligence russa, la produzione di petrolio nella zona controllata dagli Stati Uniti "viene effettuata con attrezzature fornite alla Siria dalle più grandi società occidentali che schivano le" sanzioni di Washington.
 
Interessi petroliferi russi in Siria
 
La Russia partecipa anche alle operazioni petrolifere siriane, ma con una differenza importante: le società russe hanno contratti solo con il governo siriano riconosciuto dalle Nazioni Unite.
 
Nell'ottobre di quest'anno, ad esempio, la società russa Uraltejnostroy, specializzata nella costruzione di raffinerie e stazioni di pompaggio, attrezzature per i giacimenti di gas e impianti di trattamento di petrolio, acqua e gas, ha riferito che intende riprendere la costruzione di un''installazione di petrolio nella Siria nord-orientale interrotta nel 2011. Inoltre, la società ha offerto i suoi servizi per ripristinare le strutture petrolifere colpite durante la guerra in Siria.
Nel 2018, il Ministero russo dell'Energia ha firmato una road map sulla cooperazione energetica con la Siria e nel periodo successivo. Il documento prevede il restauro, l'ammodernamento e la costruzione di nuovi impianti energetici in Siria.
 
Sovranità energetica siriana
 
Petrolio e gas saranno uno strumento vitale per il recupero della Siria dopo una guerra devastante. L'anno scorso, il presidente siriano Bashar Asad ha stimato che la ricostruzione potrebbe costare alla Siria circa $ 400 miliardi e che occorrerebbero circa 10-15 anni per completarla.
 
Negando alla Siria il diritto al proprio petrolio, gli Stati Uniti non solo agiscono illegalmente, ma stanno anche negando al paese dilaniato dalla guerra la capacità di riprendersi da un brutale conflitto che dura da quasi 9 anni.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa