"Questo ordine sociale va rovesciato". Il Partito comunista turco e le elezioni

"Questo ordine sociale va rovesciato". Il Partito comunista turco e le elezioni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Marinella Correggia

 

Negli anni scorsi, abbiamo incrociato i militanti del Partito comunista turco (Tkp) per il loro impegno contro l’aggressione alla Siria, perpetrata dal presidente turco Erdogan. Quest’ultimo e il suo partito, l’Akp, fin al 2012 hanno fatto del loro paese un’autostrada di jihadisti tagliagole provenienti da tutto il mondo, sostenuti finanziariamente e logisticamente da paesi arabi del Golfo e da potenze occidentali. Un altro attore turco di sinistra molto attivo contro l’aggressione alla Siria è stata la Peace Associationo Turkey, di fatto resa illegale nel 2016 – da allora si è trasformata in Comitato turco per la pace, parte del World Peace Council, storico raggruppamento globale dei pacifisti antimperialisti. Negli ultimi anni, poi, la Turchia ha direttamente oaccupato aree della Siria, appoggiando con il proprio esercito diverse milizie armate antigovernative. E i comitati per la pace in Turchia si sono molto esposti contro questo ennesimo atto di guerra di Ankara (https://www.wpc-in.org/statements/no-foreign-intervention-syria).

Ma tornando al Tkp e al piano interno turco, il manifesto pre-terremoto (https://www.tkp.org.tr/en/agenda/tkps-election-manifesto-is-republished-after-the-earthquake-tkp-comes-everything-changes/) elaborato dai comunisti in vista delle elezioni presidenziali e parlamentari che si terranno il prossimo 14 maggio, sfidava la cosiddetta moralità dell'ordine attuale e del suo rappresentante, il governo dell'Akp: “L’Akp è salito al potere con lo slogan della lotta contro la povertà, la corruzione e i divieti. Oggi i nostri cittadini sono ancora più poveri, il paese è soffocato dalla corruzione ed è governato da oppressioni e divieti. E non basta. L'Akp è salito al potere facendo sempre riferimento alla moralità e alla fede. Moralità! Come osano? Come osano parlare di moralità in un paese con immensi livelli di disuguaglianza? Parlano di moralità, mentre il 20% più ricco della popolazione ottiene la metà del risultato nazionale e il 20% più povero solo il 5%. Quindi, metteremo questa immoralità in cima alla lista. Queste ingiustizie, queste vergogne a cui sono esposti i nostri cittadini, si basano sull'odierno ordine sociale di sfruttamento. La più grande immoralità è sostenere questo ordine sociale o darlo per scontato” .

Poi, il 6 febbraio, un doppio, infernale terremoto ha cosparso di sale le ferite ella Siria e ha scosso aree molto popolate in Turchia; tantissime le vittime sul lato turco anche a causa della politica edilizia clientelare e dissennata permessa dal governo centrale e attuata a livello territoriale dalle amministrazioni Akp.

Il Partito comunista, ci scrivono Murat Akad e Aydemir Guler, è stato attivissimo fin dall’inizio: “Ha organizzato una grande solidarietà subito dopo il terremoto. E’ stato fra le prime organizzazioni a precipitarsi per la ricerca delle vittime, il soccorso e la solidarietà. E l’impegno continua. Questo richiedono la coscienza e la moralità, in un paese portato sull'orlo del precipizio e imputridito da grandi aziende e gruppi di potere settario”.E adesso, a distanza di meno di tre mesi? “Ci sono sviluppi, ma certo rimangono moltissimi problemi. Tante persone tuttora non trovano un posto decente ove essere alloggiate. In certe aree anca perfino l’acqua. E così via”.

E poi “ci sono le elezioni. Per la prima volta, prosegue Murat, c’è una forte possibilità che Erdo?an possa perdere le elezioni presidenziali. Così dicono molti sondaggi. Ma naturalmente come tutti sanno è un politico astuto e può accadere ancora di tutto”. Compresi brogli elettorali resi più facili dal grande spostamento di popolazione dovuto al terremoto..

Il Partito comunista turco chiede il voto ai propri candidati per le parlamentari e, quanto alle presidenziali, appoggia il candidato dell’opposizione Kemal K?l?çdaro?lu, un social-democratico, il cui partito, il Partito repubblicano del popolo (Chp), fondò la repubblica. Precisa Murat per il Tkp: “Dapprima avevamo indagato sulla possibilità di nominare un candidato socialista. Ma l’atmosfera politica è tutta concentrata sulla necessità di sconfiggere Erdo?an e nominare qualcun altro al posto di K?l?çdaro?lu sarebbe stato privo di senso. Dunque, il nostro appello è a votare per il candidato dell’opposizione. Se Erdo?an dovesse rimanere al potere, le cose sarebbero molto più difficili, non solo per noi ma per tutti”.

Certo, la coalizione contro Erdo?an è uno schieramento composito. C’è perfino un partito presieduto da Ahmet Davuto?lu che era del partito di Erdo?an e era ministro degli esteri quando iniziò l’aggressione turca alla Siria, oltre a essere l’ideologo della politica neo-ottomana. Ma non ci sono alternative, prosegue Murat.

E che cosa ci si potrà aspettare in politica estera in caso di vittoria del candidato del Chp ovvero dell’opposizione a Erdo?an? K?l?çdaro?lu probabilmente accelererà il processo di distensione nei confronti della Siria, già iniziato. Inoltre, ha ripetuto più volte a volontà di ritirare le truppe turche dalla Siria. 

 

A seguire, brani del manifesto del Partito comunista di Turchia (diffuso prima del terremoto).

Nel 1923 la Turchia spezzò le catene della dipendenza, cancellò il sultanato e il califfato. Rovesciò il vecchio e fondò il nuovo. Ricordiamo nell’oggi gli eroi di cento anni fa. Traiamoforza dal coraggio dei poveri dell'Anatolia e dei suoi leader, Mustafa Kemal e i suoi compagni di lotta che, in condizioni durissime, vinsero la lotta contro l’occupazione imperialista e contro il cadente impero ottomano, fondando la Repubblica nel 1923. È con questa convinzione e questo coraggio che lanciamo il nostro appello ancora una volta.

Noi rovesceremo un ordine sociale di sfruttamento, in cui fabbriche, banche, ospedali, scuole, miniere, coste, fiumi, centri commerciali sono di proprietà di una piccola minoranza.

Il Tkp sfida gli ipocriti che abusano della religione, i bugiardi che fanno riferimento alla "moralità" ogni volta che aprono bocca. La loro moralità è comprata e venduta in contanti. Ripetiamo, la più grande immoralità è lo sfruttamento dell'umano sull'umano È immorale portare i nostri cittadini alla disperazione con le bollette dell'elettricità e del gas, con le spese per la sanità e l'istruzione, con i livelli astronomici degli affitti. È immorale osare assoggettare i lavoratori con lo spettro della disoccupazione, minacciarli con migliaia di persone che li aspettano dietro la porta se non accettano i salari dati. È immorale portare i nostri giovani alla miseria, lasciarli soli con profonde preoccupazioni per il futuro, condannarli in università prive di mense e dormitori. È immorale creare le condizioni perché migliaia di giovani diventino tossicodipendenti, mentre si finge  di essere in lotta con la droga. È immorale preservare il patriarcato secolare, che si suppone riverisca le donne come "la madre dei nostri figli", mentre ci si intromette nei loro lavori, nelle loro libertà o nel loro aspetto. È immorale appoggiare le operazioni oscure della NATO sanguinaria. È immorale barattare il nostro paese nei monopoli internazionali basati su manodopera a basso costo e saccheggio illimitato, mentre si parla di "locale e nazionale". È immorale abusare delle credenze religiose e della fede del nostro popolo, usandole per ottenere potere e interessi economici, per trasformare la Turchia in un parco giochi di sette religiose.

Siamo di fronte a un ordine sociale che induce i nostri cittadini a essere persone centrate su se stesse, individualiste e che mirano a fare soldi facili. Nonostante questo e per fortuna, una grande maggioranza della popolazione turca resiste contro questo degrado.

In questo paese sono i lavoratori a pagare le tasse. I capitalisti ricevono in cambio più di quanto pagano. Sovvenzioni, crediti a tasso agevolato, appalti pubblici, privatizzazioni sono tra i metodi che ci vengono in mente per primi.

La legge, la polizia, l'esercito, che funzionano in base alle tasse raccolte, servono sempre ai capitalisti. Avete mai visto un padrone sanzionato perché ha licenziato un operaio, o un proprietario di un'azienda che è finito in prigione perché pagava salari bassi ai lavoratori?

Eppure, i lavoratori che scioperano o che difendono i loro diritti si trovano immediatamente di fronte alle armi dello Stato.

Il Tkp chiama il nostro popolo solidale, disponibile, laborioso, onesto, giusto, equo e patriottico a mettere in discussione questo ordine sociale immorale e irrazionale.

QUESTO ORDINE SOCIALE DEVE ESSERE ROVESCIATO.

Ricordiamo la lotta dei popoli dell'Anatolia che hanno rovesciato l'imperialismo e il sultanato in condizioni molto più difficili, a coloro che cadono nella disperazione, pensando "questo ordine sociale non potrà mai essere rovesciato, è così". Masse di persone, in Turchia e nel mondo, si sono sempre sollevate, resistendo alle ingiustizie, allo sfruttamento, alle disuguaglianze, all'imperialismo; idealizzando l'umanità e i suoi nobili valori. Possiamo farlo di nuovo. Possiamo iniziare a liberare la nostra coscienza durante le elezioni. Il TKP si affida a coloro che si guadagnano da vivere con il proprio lavoro, alla nostra gente onesta e patriottica, agli intellettuali che amano il proprio paese, a coloro che considerano la laicità e l'indipendenza come linee rosse. Nel complesso, ci ribelliamo contro i padroni senza vergogna che si considerano i proprietari di questo paese e trattano i lavoratori come schiavi, contro questo ordine sociale irrazionale in cui bruciamo le nostre vite lottando con debiti e bollette, contro le prediche ignoranti e ostili dei bigotti truffatori. Loro hanno rovinato questo paese, noi lo libereremo. Siamo la maggioranza. Se solo riuscissimo ad alzarci in piedi. Sì, possiamo iniziare votando per il Partito Comunista di Turchia. Non dimentichiamolo e crediamoci.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA di Andrea Puccio TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti