Rapporto USA sullo Xinijang: «Prove insufficienti del genocidio»

Rapporto USA sullo Xinijang: «Prove insufficienti del genocidio»

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Uno dei fronti aperti dagli Stati Uniti contro la Cina è quello relativo allo Xinijang, regione nord-occidentale a maggioranza uigura. Etnia turcofona di religione islamica. Anzi, forse si tratta del principale cavallo di battaglia occidentale contro Pechino che viene accusata di portare avanti una politica genocida nel confronti degli uiguri nello Xinijang. 

Ciò corrisponde al vero o si tratta di una narrazione imposta per attaccare la Cina e cercare di contenere la sua impetuosa ascesa?

Un recente articolo di Foreign Policy ha affermato che l'Ufficio del consulente legale del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti dopo una revisione è arrivato alla conclusione che non ci sono prove sufficienti per dimostrare il cosiddetto genocidio nella regione autonoma dello Xinjiang. A questo punto, come riporta il quotidiano Global Times, gli analisti cinesi hanno affermato che questa costituisce una ulteriore dimostrazione che le accuse di genocidio vengono mosse per motivazioni politiche e senza prove, e anche lo stesso Dipartimento di Stato nordamericano non è in grado di presentare una base giuridica per la decisione e le gravi accuse mosse nei confronti di Pechino.

In ogni caso, evidenzia il quotidiano in lingua inglese edito dal Partito Comunista Cinese, è ancora troppo presto per sapere quanto la revisione dell'organo consultivo possa influenzare le decisioni del Segretario di Stato Antony Blinken e le politiche dell'amministrazione Biden riguardo allo Xinjiang. Secondo gli analisti cinesi gli Stati Uniti non smetteranno di usare le questioni relative allo Xinjiang per contenere Cina.

Il 19 gennaio, appena un girono prima della fine della presidenza di Donald Trump, il Dipartimento di Stato statunitense ha rilasciato la "determinazione" dell'ex segretario di Stato Mike Pompeo sulle "atrocità nello Xinjiang”, dove si afferma che il "genocidio" sia in corso nella regione.

Il potere di decidere se si tratta di ‘genocidio’ è nelle mani del Dipartimento di Stato, e Blinken potrebbe semplicemente ignorare la revisione da parte dell'Ufficio del consulente legale, secondo Jia Chunyang, esperta del China Institutes of Contemporary International Relations.

Blinken, che è il successore di Pompeo, ha detto il 19 gennaio che il presidente Trump "aveva ragione" ad adottare un "approccio più duro alla Cina", come riferito dai media.

È ovvio che l'accusa di genocidio è una calunnia politica senza alcuna prova, ma ciò riflette il tono della strategia intransigente dell'amministrazione Biden sulla Cina negli affari dello Xinjiang, ha spiegato Jia al Global Times. 

Lü Xiang, esperto di studi statunitensi con l'Accademia cinese delle scienze sociali di Pechino, ha dichiarato al Global Times che l'amministrazione Biden sta ancora valutando la situazione per formare il suo pacchetto di politiche in diverse aree.

Gli osservatori cinesi credono che l'amministrazione Biden non sarà radicale nella politica estera in generale e che sono ancora in corso azioni dettagliate in diverse aree. Sicuramente la ‘carta Xinjiang’ sarà ancora giocata. La domanda adesso è come. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle di Paolo Desogus Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass: si o no? di Alberto Fazolo Green Pass: si o no?

Green Pass: si o no?

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa di Antonio Di Siena Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia