Repressione nelle università USA. Greenwald: “Se accadesse in Russia o in Iran..."

Repressione nelle università USA. Greenwald: “Se accadesse in Russia o in Iran..."

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Negli Stati uniti d’America dal 18 aprile sono partite le manifestazioni studentesche in solidarietà con la popolazione di Gaza vittima della brutale aggressione di Israele, iniziata il 7 ottobre scorso dopo l’operaizone di Hamas, ‘Tempesta di Al Aqsa. Le proteste che contestano anche la complicità degli USA in questo genocidio che finora ha provocato quasi 35.000 morti sono partite dalla Columbia University, a New York, e da lì si sono estese ad altri centri universitari.

Queste proteste definite anche “antisemite” dai politici repubblicani e democratiche hanno incontrato anche la brutale repressione della polizia.

Tali scene di repressione, come ha ricordato il giornalista Glenn Greenwald su X, “Se ciò accadesse in Russia o in Iran – una forza di polizia di queste dimensioni schierata contro gli studenti che protestano contro le politiche di guerra dello stato – sarebbe universalmente denunciata come una tirannia malvagia.

Dove sono partite le proteste

A metà aprile, gli studenti della Columbia University hanno montato alcune decine di tende, un paio di bandiere palestinesi e alcuni cartelli scritti a mano con slogan come: "La Columbia finanzia il genocidio" e "Mentre leggi, Gaza sanguina", tra gli altri. Il risultato è stato l’arresto di oltre 100 manifestanti, ma la protesta è continuata.

Lunedì scorso, la Columbia University ha annunciato di aver cominciato ad espellere temporaneamente gli studenti che avevano continuato a partecipare alla protesta filo-palestinese.

Il giorno successivo, i manifestanti hanno rotto le finestre e si sono barricati all'interno di un edificio accademico nel campus di Manhattan.

La protesta iniziale ha scatenato un’ondata di manifestazioni simili nei campus universitari di tutto il Paese. Harvard, l’Università della California del Sud, l’Università del Texas ad Austin, l’Università di Yale, l’Università della California a Los Angeles e il Virginia Polytechnic Institute e State University,  tra gli altri, erano pieni di giovani insoddisfatti delle azioni del suo governo in sostegno di Tel Aviv.

Cosa chiedono i manifestanti?

I partecipanti alle proteste chiedono che le loro università smettano di sostenere Israele e le sue azioni militari in Palestina. In questo contesto, il Washington Post precisa che i fondi delle università americane possono essere spesi per vari progetti, compresi gli aiuti finanziari.

Le richieste specifiche variano: mentre in un'università vogliono che l'Amministrazione interrompa gli investimenti nel settore militare israeliano, in un'altra cercano di fare pressione sulle aziende americane, come Google o Microsoft, che collaborano con Israele.

La risposta delle autorità

Le autorità locali e federali hanno soltanto represso le proteste, ricorrendo alla forza. Il numero degli arresti pare abbia superato i 900 a livello nazionale.

Così, sui social network sono circolate le immagini  dell'arresto di uno degli insegnanti nei pressi di un campo organizzato dai manifestanti nel campus della Emory University, ad Atlanta. La donna, come si vede nel video, dichiara di essere un'insegnante, ma un agente di polizia l'ha gettata a terra e, con l'aiuto di un altro agente, l'ha trattenuta e ammanettata.

Inoltre, è stato riferito che lunedì scorso la polizia ha utilizzato granate stordenti e spray al peperoncino contro gli studenti dell'Università del Texas.

Da parte sua, il presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, Mike Johnson, ha dichiarato  che il suo Paese potrebbe avvalersi della Guardia Nazionale per disperdere le manifestazioni. "La Columbia è fuori controllo. Nelle ultime ore, durante la notte, penso che [gli studenti] abbiano invaso l'edificio del campus. [...]. Quindi chiediamo alla Polizia di andare a occuparsene. Se non ne sono capaci, allora avremo bisogno della Guardia Nazionale".

Columbia, notte di proteste e repressione

Decine di agenti di polizia in tenuta antisommossa sono entrati la scorsa notte nel campus della Columbia University di New York per disperdere i manifestanti filo-palestinesi radunati davanti a uno degli ingressi dell'edificio.

La misura è stata adottata circa 20 ore dopo che un gruppo di studenti ha fatto irruzione nell'edificio della Hamilton Hall, ha chiuso le porte e si è barricato all'interno utilizzando tavoli, sedie, barricate metalliche e altri oggetti.

La reazione dell'ONU

L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Volker Turk, non ha nascosto la sua preoccupazione per le misure adottate dalle forze dell'ordine statunitensi per disperdere le manifestazioni.

"La libertà di espressione e il diritto di riunione pacifica sono fondamentali per la società, soprattutto quando ci sono forti disaccordi su questioni importanti, come nel caso del conflitto nei territori palestinesi occupati e in Israele", ha osservato nel suo commento.

Ha quindi espresso preoccupazione perché le azioni delle autorità "sembrano avere  un impatto sproporzionato".

Turk ha ribadito che il comportamento antisemita è inaccettabile, ma “deve essere chiaro che il legittimo esercizio della libertà di espressione non può essere confuso con l'incitamento alla violenza e all'odio”.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti