Ripartono colloqui sul Nucleare. Iran precisa: Gli Usa rimuovano prima le sanzioni

Ripartono colloqui sul Nucleare. Iran precisa: Gli Usa rimuovano prima le sanzioni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Nella sua conferenza stampa settimanale, il portavoce del ministero degli Affari esteri dell'Iran, Said Jatibzade, ha sottolineato, oggi, la forte volontà della Repubblica islamica di ottenere risultati tangibili a Vienna.

In questo contesto, il diplomatico ha criticato i commenti che il cancelliere britannico e il suo omologo israeliano hanno fatto ieri sui negoziati, e ha sostenuto che tali accuse mostrano che “ alcuni firmatari europei non si recano a Vienna con una ferma volontà e cercano solo di prolungare le conversazioni ”.

Jatibzade ha sottolineato che il futuro dei colloqui dipenderà dalla volontà degli Stati Uniti di eliminare le sanzioni e che questo Paese dovrebbe essere ritenuto responsabile di qualsiasi situazione di stallo.

“La cosa importante è che se gli Stati Uniti vanno a Vienna con la determinazione di risolvere i problemi che non sono stati risolti nei turni precedenti, quindi i colloqui andranno sulla strada giusta. Ma, se gli Stati Uniti continueranno con le sue misure precedenti, l'Iran agirà sicuramente di conseguenza ", ha aggiunto.

Il settimo round di colloqui tra Iran e G4+1 - Russia, Cina, Regno Unito, Francia e Germania - è iniziato oggi a Vienna, dove il Paese persiano sta cercando la totale eliminazione delle sanzioni statunitensi nei suoi confronti, che consentirebbero il rivitalizzazione dell'accordo nucleare, ufficialmente chiamato Comprehensive Plan of Joint Action (PIAC o JCPOA), la cui validità è appesa a un filo, dopo la decisione unilaterale di Washington di abbandonarlo nel 2018 e l'inerzia dei firmatari Europei della convenzione per garantire gli interessi di Teheran.

Il capo negoziatore iraniano in questi colloqui, Ali Baqeri Kani, è arrivato sabato scorso a Vienna e ancora una volta ha sottolineato che la revoca verificabile delle sanzioni anti-iraniane è il primo obiettivo della Repubblica islamica nell'incontro e indicato come un secondo obiettivo “facilitare i diritti della nazione iraniana di beneficiare della conoscenza nucleare pacifica, in particolare dell'importantissima tecnologia di arricchimento per scopi industriali, in conformità con i termini del Trattato di non proliferazione nucleare (NPT)”.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti