/ Russia: "Quali 'prove' hanno portato a Trump sulla presenza di 'a...

Russia: "Quali 'prove' hanno portato a Trump sulla presenza di 'armi chimiche' in Siria?"

 

Molti media, la polizia militare e l'esercito siriano hanno visitato la base di Shayrat bombardata dagli USA, ma "non hanno trovato depositi o munizioni di 'armi chimiche'", ha dichiarato il portavoce del ministero della difesa russo.


"Che cosa esattamente hanno portato al presidente degli Stati Uniti come 'prova' della presenza di 'armi chimiche' in un paese indesiderabile a Washington?" È la domanda che si è posto il portavoce del ministero della Difesa, Gen. Igor Konashenkov.
 
Un giorno dopo il bombardamento degli Stati Uniti alla base aerea di Shayrat, il Pentagono e il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti non hanno presentato "prove" della presenza di armi chimiche, ha spiegato Konashenkov.
 
"Decine" di rappresentanti dei mezzi di comunicazione, le autorità locali, i vigili del fuoco, polizia e militari siriani hanno visitato la base, ma "non hanno trovato alcun deposito o munizioni 'armi chimiche'", ha dichiarato il generale russo, specificando che "tutti coloro che erano presenti" nella base aerea siriana "non indossavano maschere e si sentivano assolutamente bene".
 

 
Inoltre, il portavoce del ministero della Difesa russo ha ricordato le dichiarazioni della vigilia del Ministro degli Esteri Serguéi Lavrov sulla "provetta con polvere di antrace", presentato alle Nazioni Unite come prova della presenza di armi chimiche in Iraq nel 2003.

 
"Somiglia molto alla provetta con polvere bianca di Colin Powell [allora segretario di Stato] o alle  segnalazioni del primo ministro britannico [Tony Blair] circa la presunta presenza di armi chimiche in Iraq", ha ricordato Konashenkov.
 
Inoltre, il generale russo ha sottolineato che "l'unico modo" per ottenere una "prova oggettiva" è indagare la presenza di armi chimiche nella base siriana "con attrezzature speciali per il campionamento, protocollarle ed effettuare successive analisi scientifiche".
 
"Sia gli USA così come l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPAC) sanno che i resti di sostanze pericolose non possono essere nascosti, anche mesi e anni dopo l'immagazzinamento" ha precisato Konashenkov.
 
 
Fonte: Rt esp
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa