L'Analisi/Sanzioni, isolamento e miseria: l'assedio economico contro la Sir...

Sanzioni, isolamento e miseria: l'assedio economico contro la Siria

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


Segue l'editoriale di Alberto Rodríguez García, giornalista specializzato in Medio Oriente, propaganda e terrorismo.
 
Gli Stati Uniti stanno conducendo una guerra economica e di risorse totale contro la Siria. Solo pochi giorni fa, i soldati statunitensi hanno impedito a una pattuglia della polizia militare russa di avvicinarsi al giacimento petrolifero di Rumeylan ad Hasaka. Ciò accade in un inverno in cui i prezzi dei prodotti della Repubblica araba sono aumentati esponenzialmente e la popolazione affronta una sofferenza simile agli anni più difficili della guerra. Non è un'esagerazione descrivere la pressione esercitata da Washington, sanzionando persino la Banca centrale della Siria come un assedio.
 
L'assedio e il furto delle risorse siriane da parte degli Stati Uniti non dovrebbe essere compreso in termini economici, ma politici. Gli americani non cercano di arricchirsi, ma come per le sanzioni, cercano di soffocare l'economia siriana per spingere il paese al limite e, causando maggiore instabilità, per impedire al governo siriano di essere il vincitore della guerra. Con la guerra economica, la popolazione orfana viene lasciata senza riscaldamento, cibo, medicine e progressi. L'obiettivo è di produrre una rivolta contro quel governo la cui maggioranza della popolazione è rimasta fedele durante nove anni di guerra . Ed è qualcosa che sta funzionando in modo tale che la valuta vale già la metà di quello che era un anno fa e piccole proteste pacifiche hanno iniziato a essere viste contro precarie condizioni di vita sotto lo slogan "Vogliamo vivere".
 
Non puoi vincere una guerra senza la capacità di ripristinare l'ordine e la stabilità
 
L'economia siriana è completamente in frantumi con il deflusso di capitali, la perdita umana di una classe media che è morta o ha lasciato il paese a causa di guerre e sanzioni, che soffocano il paese e ne impediscono la ricostruzione e lo sviluppo. Secondo l'esercito siriano, recupera i territori e stabilizza le regioni, il commercio viene riattivato, con meno checkpoint le merci si muovono più velocemente e ci sono fabbriche che funzionano di nuovo, ma sebbene ciò sia positivo, la crescita è ancora minima, e avranno bisogno di decenni per recuperare l'economia prebellica.
 
"La guerra ha generato una nuova élite di usurai che, sfruttando le sanzioni occidentali contro gli uomini d'affari associati al governo, sono riusciti a trarre profitto a scapito del conflitto creando reti per arricchirsi di signori della guerra, contrabbandieri e persino ONG"
 
Non ci sono soldi per ricostruire la Siria e alleati come l'Iran non stanno meglio - ancora una volta - per le sanzioni. La guerra militare in Siria sta finendo, ma la pressione economica e diplomatica è più grande che mai. Inoltre, la Russia, che non ha un PIL eccessivamente ampio, limita il suo sostegno ai militari e alcuni investimenti minimi in risorse energetiche.
 
A tutto ciò dobbiamo aggiungere che la guerra ha generato una nuova élite di usurai che, sfruttando le sanzioni occidentali contro gli uomini d'affari associati al governo, sono riusciti a trarre profitto a spese del conflitto creando reti per arricchirsi con signori della guerra, contrabbandieri e anche le ONG. E c'è molta dell'ipocrisia dell'Occidente e del Golfo; perché mentre applaudono alle sanzioni contro la Siria (che si applicano al governo ma colpiscono la popolazione), negoziano con questi nuovi "magnati di guerra" senza sanzioni.
 
Le società cinesi, vedendo la scarsa concorrenza in Siria, stanno iniziando a vedere un'opportunità per investire, anche se ciò che offrono è ancora poco per le esigenze del paese e della popolazione, concentrandosi principalmente sulle telecomunicazioni. A ciò dobbiamo aggiungere che la Siria deve restituire il proprio debito, perché la guerra è molto costosa. Per fare un esempio, volare per un'ora un aereo militare come il Sukhoi 30 (molto comune in Siria) costa circa $ 9.000.
 
Dopo gli Stati Uniti ha approvato a dicembre 2019 ulteriori sanzioni contro la Siria con la "Legge di Cesare", che si aggiunge alla catastrofica situazione economica in Libano e alla crisi in Iran, il valore della lira siriana (SYP) contro il dollaro è crollato come raramente ha fatto in passato. Nel tentativo di fermare la debacle dopo il 16 gennaio 2020, il SYP ha raggiunto il suo valore storico più basso pari a 1 USD = 1.230 SYP (prima del 2011 il dollaro era quotato per 50 lire siriane), il governo siriano ha deciso di dichiarare Guerra contro il dollaro nella speranza di stabilizzare nuovamente i prezzi e impedire a cibo, gas e benzina di mantenere i prezzi proibitivi per la popolazione in inverno.
 
Dal 18 gennaio 2020, in Siria è vietato diffondere informazioni false che mettono a repentaglio il valore della valuta nazionale, commerciare con valuta diversa dalla lira siriana o scambiare valuta estera senza una licenza. Per indebolire il mercato nero che è diventato particolarmente forte, acquisti importanti come l'auto o la casa devono essere fatti legalmente attraverso il sistema bancario siriano. Il governo inserirà anche sistemi GPS nei veicoli ufficiali per controllare il consumo di benzina e le distanze percorse. E, citando il presidente Bashar al-Assad, la corruzione è anche un fronte di guerra.
 
Secondo il ministro della Pubblica Istruzione, Mwafak al-Azab, la riabilitazione di 250 scuole in diverse parti del paese entro agosto 2020 costerà 12.000 milioni di SYP. L'Iran, il cui ministro dell'istruzione, Mohsen Mirzai, ha firmato un protocollo d'intesa con la Siria per la ricostruzione, la riabilitazione e la modernizzazione dei centri educativi parteciperà a questo compito. Entrambi i paesi hanno inoltre deciso di costruire 30.000 nuove unità abitative e 25 sobborghi residenziali per famiglie a basso reddito. Sta inoltre cercando di ripristinare il tessuto industriale, costruendo ferrovie e facilitando l'ingresso di nuove società nel paese; 492 nel 2019 secondo il Ministero del commercio interno, di cui 90 dedicati alla ricostruzione della Siria.
 
"La nuova ondata di sanzioni unilaterali di Trump contro il paese persiano è anche subita - e molto - dai siriani. Essendo il più miserabile dei criminali, i governi di Obama e Trump hanno tolto il diritto a una vita dignitosa da parte dei siriani"
 
La Siria prima della guerra era un paese autosufficiente, con oltre 2,5 miliardi di barili nelle riserve di petrolio e 8,5 miliardi di metri cubi di gas naturale. Il suo tasso di interesse non è mai stato nel mercato globale, ma piuttosto nell'offerta nazionale. Tanto che nel 2010 rappresentavano solo il 35% del valore delle esportazioni siriane. Ma queste riserve sono scarse perché molte sono state distrutte, altri ISIS le hanno portate attraverso la Turchia e molte altre sono controllate dai "curdi" in teoria e dagli Stati Uniti di fatto. Durante la guerra, la produzione di petrolio della Repubblica araba è diminuita del 99%.
 
Durante la guerra, le banche libanesi furono vitali per la Siria, permettendo di mantenere in vita il commercio, evitando il più possibile le sanzioni e rendendo più facile per la diaspora introdurre denaro nel paese. Ora che l'economia libanese si sta dirigendo verso la debacle, i siriani sono quelli che soffrono di più, perché l'impatto delle sanzioni è inevitabile . Durante la guerra l'Iran ha consegnato alla Siria il petrolio che la Repubblica araba non aveva perché era prima sotto il controllo dell'ISIS e dei curdi / USA. più tardi. La nuova ondata di sanzioni unilaterali di Trump contro il paese persiano è anche subita - e molto - dai siriani. Essendo il più miserabile dei criminali, i governi di Obama e Trump hanno tolto il diritto a una vita dignitosa da parte dei siriani.
 
Secondo il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, "le sanzioni e i blocchi economici dei nostri giorni possono essere paragonati agli assedi delle città nel Medioevo" che cercano di far cadere in ginocchio città e paesi sovrani. Aggiungono anche che le sanzioni del 21° secolo sono associate alla manipolazione dell'opinione pubblica attraverso "false notizie", pubbliche relazioni e una retorica che afferma di essere diritti umani al fine di dare l'impressione che una "fine" nelle questioni I diritti umani giustificano mezzi criminali. La Siria è diventata vittima di quell'assedio criminale. Coloro che sono riusciti a sconfiggere la jihad mondiale contro il loro paese ora affrontano una guerra economica.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa