Sara Reginella - Come i media hanno occultato per 8 anni i massacri in Donbass e la nazificazione dell'Ucraina

Sara Reginella - Come i media hanno occultato per 8 anni i massacri in Donbass e la nazificazione dell'Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

 

 

 

Sara Reginella, psicologa e autrice di "Donbass: la guerra fantasma nel cuore dell'Europa" ripercorre insieme a noi le vicende del Donbass e le ragioni dietro l'operazione bellica che si è prodotta in queste ore in Ucraina.  "Contro la nazificazione dell'Ucraina e contro Stefan Bandera che la popolazione del Donbass si è ribellata. Ed è giusto. Se torna il fascismo noi dobbiamo essere anti-fascisti sempre", ha sottolineato Reginella. 

"Le bandiere di Pravy Sektor - quella dei collaborazionisti ucraini nazisti - sventolava insieme alle bandiere europee nel dopo Maidan del 2014 e gli stessi battaglioni Azov, Aidar, Donbass... erano di matrice nazista e sono stati integrati nell'esercito. La popolazione del Donbass non si è opposta all'Ucraina, è una bugia dire questo, è stata una ribellione alla nazificazione che dal 2014 si è imposta in Ucraina", ha proseguito. 

"Come nascono le guerre? Fare la divisione tra buoni e cattivi è pericoloso. Vi invito ad uscire da questa logica e comprendere gli eventi che hanno portato a 8 anni di morti in quelle regioni". E ancora: "La popolazione del Donbass soffre da 8 anni. La Russia è intervenuta in difesa di quel territorio contro l'espansionismo Nato che con le sue basi Nato ha accerchiato i confini russi", ha proseguito.

Sui media occidentali e la manipolazione di questi anni sulla vicenda Reginella dichiarano: "O occultano le notizie o le mistificano manipolandole. Nella guerra del Donbass abbiamo visto entrambe. Perché ho deciso di raccontarlo questo conflitto? Perché quando nel 2014 è scoppiato è stato totalmente censurato. Ne sono venuta a conoscenza per caso da un contatto social e nessuno ne parlava. Sono andata lì per capire: ci dicono che viviamo in una democrazia e ci occultano una guerra. L'ho visto il fronte nel 2015 e nel 2016: tutte case distrutte, persone che coltivano l'orto fuori dalle case distrutte perché non volevano abbandonare la propria terra. Perché il dolore di questa popolazione non è interessata?"


Vi consigliamo la visione integrale dell'intervista per rompere il muro di gomma delle menzogne che in queste ore occupano i media mainstream italiani:

 

 

 

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream di Andrea Puccio Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti