Scuola: 3 giorni di sciopero... ma in California!

Scuola: 3 giorni di sciopero... ma in California!

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Lo sciopero dei dipendenti del distretto scolastico di Los Angeles (LAUSD) sta lasciando a casa 420 mila studenti.

Si tratta di uno sciopero di 3 giorni, iniziato martedì, e che vede in prima fila, sotto la pioggia, i lavoratori con le paghe più basse. Lo sciopero è stato indetto da SEIU, il sindacato che rappresenta i custodi delle scuole, gli autisti degli scuolabus, gli insegnanti di sostegno, i cuochi e gli addetti alle mense, gli assistenti sanitari scolastici, gli addetti alle biblioteche e ai punti ristoro.

Le manifestazioni sono iniziate all’alba con un picchetto in un piazzale degli autobus. I lavoratori chiedono aumenti salariali e incrementi dell’organico.
La situazione sta diventando critica. Le scuole sono molto più che centri educativi: sono una rete di sicurezza per centinaia di migliaia di famiglie, ha detto al Chicago Tribune, Karen Bass, sindaca di Los Angeles.

Local99 SEIU, il sindacato che rappresenta localmente i lavoratori, lamenta paghe troppo base, che non permettono di vivere o comprare una casa, che non tengono conto dell’inflazione.

Marlee Ostrow, assistente insegnante (un gradino sotto l’insegnante di sostegno), 67 anni suonati, 20 anni di lavoro alle spalle, dice al Chicago Tribune che le classi che deve seguire non sono più le 3 di quando ha iniziato, ma sono 5; dice che nessuno fa più domanda per entrare nella scuola, che la gente preferisce andare a lavorare al Burger King, dove si guadagna di più, dove lo stress e le responsabilità (aggiungo io) sono sicuramente inferiori.

Tutto il personale di supporto guadagna, in media, 25 mila dollari. Non sono tanti soldi negli USA. Molti sono costretti al part-time involontario. Esattamente come a casa nostra. Il sindacato chiede un aumento del 30% per il personale di supporto e del 20% per gli insegnanti.

Non stiamo ricevendo una paga equa, capace di sfamare la famiglia, dice Fatima Grayson, assistente insegnante. Molte di noi sono costrette a fare due lavori per far quadrare i conti (abc7.com).

Le famiglie degli studenti sono con i lavoratori – per adesso. Tra l’incudine e il martello resistono. Tengono a casa i figli, i più grandi vengono lasciati soli. Il problema sono i piccoli, sono i bambini delle scuole materne. Si potrà resistere qualche giorno. Poi tutto dovrà finire. Perché la scuola, come dice la sindaca, offre un servizio totale: intrattiene, educa, sostenta, supplisce i genitori mentre questi sono trattenuti, sostentati, rifocillati e talvolta educati in altri stabilimenti di socializzazione coatta.

Max Arias, leader sindacale, ha detto che l’obiettivo di Local99 è un aumento delle paghe medie da $ 25.000 a $ 36.000. Mica pizza e fichi!

Leo Essen

Leo Essen

Ha studiato all’università di Bologna con Gianfranco Bonola e Manlio Iofrida. È autore di Come si ruba una tesi di laurea (K Inc, 1997) e Quattro racconti al dottor Cacciatutto (Emir, 2000). È tra i fondatori delle riviste Il Gigio e Da Panico. Scrive su Contropiano e L’Antidiplomatico.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti