Se non riuscite a vivere senza Nespresso smettetela di sognare giustizia, rivoluzioni o patriottismo

Se non riuscite a vivere senza Nespresso smettetela di sognare giustizia, rivoluzioni o patriottismo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Francesco Erspamer*


Capisco che dopo esservi fatti convincere dalla pubblicità a comprare una macchina per caffè in capsule, adesso dobbiate affermare – e, peggio, essere sinceramente convinti – che la spesa e i costi di gestione siano giustificati dalla qualità e soprattutto dalla praticità: vuoi mettere quei tre minuti risparmiati per non dover caricare la moka e aspettare che l’acqua vada in ebollizione; o il quarto d’ora che servirebbe per scendere giù e arrivare al bar.



Tempo prezioso che altrimenti verrebbe sottratto al quinto telegiornale della giornata, a un po’ di pornografia online, al culto delle celebrity del momento, al quotidiano pendolarismo in auto, dovuto al fatto che avete passivamente consentito a multinazionali e miliardari di fare solo i propri interessi e quelli degli speculatori finanziari, non i vostri o quelli del paese.

Troppo dispendioso, l’impegno.

Se no forse rifiutereste una moda che inquina (plastica, metalli pesanti) e che arricchisce principalmente corporation straniere (a dominare è la svizzera Nestlé) in un settore che fino a una decina d’anni era riconosciutio come italiano. Davvero è nel vostro interesse indebolire la classe media, le piccole imprese, l’industria nazionale? Per cosa? Perché, come degli americani qualsiasi, fare la moka vi pare troppo complicato o faticoso?

Ovviamente le capsule Nespresso sono solo un esempio. Sono tanti i prodotti e comportamenti indotti e dannosi all’ambiente e alla società, ai quali percentuali sempre più ampie di italiani non sanno rinunciare. Se provate a fare quello che un tempo si chiamava esame di coscienza potreste riuscire a identificarli. Tentate allora di liberarvene: scoprendone l’inutilità o anche solo per dimostrare a voi stessi di essere in grado di farne a meno. Se non ci riuscite, non è perché siano davvero indispensabili: è perché il sistema vi va bene così. Ma allora non fate finta di lamentarvene.

Platone giustamente diceva che di politica potevano occuparsi solo i benestanti: contadini, artigiani e soldati non ne avevano il tempo, presi totalmente dal lavoro, allora massacrante per sopravvivere in una società povera e senza margini. Tecnologia, scienza e lotte sociali ci hanno portato, quasi ovunque, ben oltre la soglia del bisogno: per cui non ci sono più scuse. Se non riuscite a vivere senza Nespresso e senza l’iPhone smettetela di sognare giustizia o rivoluzioni, che richiedono ben altra dedizione e sacrifici, ben diverse priorità; per non dire del falso patriottismo di chi adora tutto ciò che arriva dall'estero.

So benissimo che questo post o qualunque altro ragionamento e addirittura esperienza non potrà fare cambiare idea a nessuno: il consumismo è una droga pesante e non se ne esce. Scrivo per gli altri, i tanti che non hanno ancora una dipendenza ma siccome non sanno articolare la loro opposizione o temono l’accusa di essere inattuali, lasciano che il mondo cambi, spesso in peggio, senza protestare, senza resistere.

*Professore all'Harvard University

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti