Secondo il collaboratore più stretto di Macron: "L'Italia ha ragione ad obiettare contro il MES. L'Eurogruppo dovrebbe rinviare l'accordo"

Secondo il collaboratore più stretto di Macron: "L'Italia ha ragione ad obiettare contro il MES. L'Eurogruppo dovrebbe rinviare l'accordo"

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

«La riforma del trattato Mes, nella stesura attuale, non vale la carta su cui è scritto. L'Eurogruppo dovrebbe rinviare l'accordo e definire con la nuova Commissione europea un testo più ampio, più equilibrato e più ambizioso». A dichiaralo è uno stretto collaboratore di Macron, Shahin Vallée, con un post su Twitter ripreso da Tino Oldani su Italia Oggi. Non parliamo certo di un populista", "sovranista" o un pericoloso giacobino anti-europeista ma di un economista totalmente sistemico del gruppo finanziario di George Soros, che auspica più Europa; è un ricercatore del centro studi Brueghel molto vicino alle posizioni europeiste più intransigenti. Prima di collaborare con Macron, ricorda Italia Oggi, è stato consigliere di Herman Van Rompuy, quando questi era presidente del Consiglio europeo dei capi di Stato e di governo. Per questo vale la pena di rileggere in sequenza i tweet con i quali spiega perché la riforma del Mes «non vale la carta su cui è scritta».




Per cominciare, scrive Shahin Vallée, «la linea di credito in caso di crisi è accessibile solo a paesi che adempiono a criteri molto stretti ex ante, al punto da escludere oggi Francia, Italia, Spagna e perfino la Finlandia. «Dunque», aggiunge il collaboratore di Macron, «l'Italia ha ragione ad obiettare, ma è tardi, e concentra la sua critica su elementi secondari». Suggerendo una correzione di tiro, Shahin Vallée indica nei dettagli alcuni aggiustamenti tecnici, per certi aspetti comprensibili solo a veri esperti della materia, in grado di distinguere i «single limb CACs» dai «double limb». E aggiunge: «Senza questi elementi, la riforma del Mes non è un progresso, è un regresso. L'Europa è fatta di questi piccoli, graduali passi: ma devono essere passi nella giusta direzione. A volte è preferibile tornare al tavolo di disegno e rifare il progetto, invece di essere intrappolati in un progresso finto»

Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi di Francesco Erspamer  Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi

Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi

Quale paese al mondo... di Giorgio Cremaschi Quale paese al mondo...

Quale paese al mondo...

Facebook oscura l'informazione in Australia e non succede niente? di Francesco Santoianni Facebook oscura l'informazione in Australia e non succede niente?

Facebook oscura l'informazione in Australia e non succede niente?

Europei, Uiguri e i deliri di Washington   di Bruno Guigue Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Europei, Uiguri e i deliri di Washington

La sovranità sarà anche "solitudine" ma ti fa avere i vaccini di Antonio Di Siena La sovranità sarà anche "solitudine" ma ti fa avere i vaccini

La sovranità sarà anche "solitudine" ma ti fa avere i vaccini

Catena del valore e Cina: le solite "sviste" di Sapelli di Pasquale Cicalese Catena del valore e Cina: le solite "sviste" di Sapelli

Catena del valore e Cina: le solite "sviste" di Sapelli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti