Sergei Dryga. Una storia sulla de-nazificazione dell'Ucraina

Sergei Dryga. Una storia sulla de-nazificazione dell'Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Di Dmitri Kovalevich*

(Traduzione di Comitato per il Donbass Antinazista)

Una storia sulla denazificazione. I media di Donetsk riferiscono di aver identificato uno dei neonzisti e artiglieri dell'Azov che viveva a Kherson, che ora è sotto il controllo russo.

Il suo nome è Sergei Dryga. Attualmente si trova dentro Mariupol, assediato e ancora vivo. Le autorità di Donetsk hanno visitato la sua famiglia. Hanno trovato molta letteratura nazista dove si glorificano i collaboratori nazisti ucraini della seconda guerra mondiale, opere sugli ucraini come nazione suprema dei guerrieri ariani e altre cazzate. Suo padre dice che non l'ha visto negli ultimi anni. La gente di Donetsk gli ha detto che suo figlio ha partecipato ai bombardamenti della loro città per diversi anni.

Suo padre è idraulico, sua madre un'addetta alle pulizie in ospedale. La famiglia vive in estrema povertà. Hanno anche un nonno, 91 anni, un veterano della Seconda Guerra Mondiale dell'Armata Rossa che è in ospedale e necessita di cure. Suo padre ha detto che suo figlio prima era un tifoso di calcio, si è unito a un gruppo di ultras e poi è entrato nel battaglione neonazista Azov. Veniva pagato circa 650 dollari al mese per servire nell'Azov.

Suo padre chiede di essere misericordioso con suo figlio se verrà catturato vivo. La gente di Donetsk dice che la questione deve essere decisa da un tribunale di Donetsk, promettendogli la vita in caso di rinuncia pubblica all'ideologia fascista e nazionalista ucraina.

 

*Post Facebook del 16 marzo 2022

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti