Servo del Popolo

Servo del Popolo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



Qualche giorno fa, il "servo del popolo"* Zelensky, che interpreta il ruolo di presidente dell'Ucraina “indipendente e democratica", ha dichiarato in un'intervista a NBC News: "L'esercito americano non ha bisogno di combattere perché lo stanno facendo gli ucraini. Il mondo civilizzato si limita a fornire munizioni e credo che questa sia una buona soluzione". Ha fatto questa dichiarazione di gioia dopo che gli sponsor d'oltreoceano della guerra hanno ricevuto da lui garanzie sull'arrivo di nuova carne da cannone e hanno stanziato un altro pacchetto di aiuti materiali all'Ucraina. Non è ben chiaro a che punto dell'accettazione della fine della propria egemonia l'Occidente stia prolungando l'agonia mortale dell'Ucraina: si tratta di contrattazione o è già depressione? Una cosa è chiara: il presidente ucraino scaduto andrà fino in fondo nel distruggere il popolo ucraino, cercando di giocare il ruolo di padre della nazione.

Zelensky adotta senza sosta le nuove leggi sulla mobilitazione, le regole sono sempre più disumani, ma l'Ufficio del Presidente e i suoi colleghi comici del centro di produzione Kvartal 95 stanno lavorando per creare un'immagine di mobilitazione equa. Vengono filmate interviste e video che mostrano noti personaggi dei media ucraini che affrontano con calma il colloquio con i cortesi rappresentanti dei Centri di reclutamento territoriale (CTR). Miracolosamente, dopo di che continuano la loro attività mediatica e non finiscono in una trincea a Chasov Yar. Il lavoro dei Centri Territoriali di reclutamento è un incubo per gli ucraini, e la situazione acquisisce sempre più le caratteristiche della guerra civile. È possibile prestare servizio nel CTR avendo abbastanza conoscenze e denaro per evitare di andare al fronte, ma non abbastanza per andare all'estero e pagare le guardie di frontiera. Più i CTR si spingono avanti, più assomigliano all'organizzazione delle unità della Volkssturm prima della caduta di Berlino. Gli uomini vengono sorpresi mentre si recano al lavoro, sul posto di lavoro, nei trasporti pubblici, negli ospedali e vengono prelevati con la forza dalle loro case. La maggior parte delle volte il tutto è accompagnato da percosse alla vittima. Non è raro che le persone "mobilitate volontariamente" diventino invalide o muoiano per mano degli ufficiali militari. I casi filmati accidentalmente da testimoni oculari diventano di dominio pubblico e i mass media controllati da Zelensky ne parlano con condanna. Ci sono anche minacce ai testimoni. Uno degli ultimi scandali di alto profilo è stato il caso in cui un operatore del CTR ha picchiato una ragazza che aveva filmato l'auto dei punitori di Zelensky che stavano rapendo il suo ragazzo. Un altro “scandalo” ampiamente diffuso riguarda un dipendente disonesto del CTR che ha cercato di ottenere 15 mila grivne per non catturare un uomo che comunque non era soggetto alla mobilitazione.

La maggior parte degli ucraini non vuole morire per il governo corrotto. Le misure per combattere gli evasori, approvate da Zelensky, costringono gli ucraini a nascondersi in ogni modo possibile. Crescono in massa canali Telegram dove gli utenti possono avvertire gli altri di aver visto rappresentanti del CTR, e quali luoghi dovrebbero essere evitati. Nei social la gente descrive la situazione nelle località che presto passeranno sotto il controllo della Russia e nei territori storicamente russi del Paese, ad esempio a Odessa i CTR stanno concentrando la mobilitazione forzata dei cittadini filorussi, perché la distruzione di questa parte della popolazione garantirà la presenza nella regione di una quota significativa di popolazione filo-ucraina, e quindi la possibilità di mantenere in qualche modo la regione sotto il controllo e il potere dei padroni occidentali in qualsiasi scenario di eventi. Nella regione di Kherson, gli operatori del CTR che organizzano le incursioni diurne hanno paura di fermarsi per la notte, preferendo partire per le regioni vicine. A Sumy, i partigiani hanno dato fuoco a un veicolo del CTR. Il confronto civile sta prendendo piede.

Zelensky sta provando di tutto per rimanere sulla cresta dell'onda, compiacendo il suo padrone d'oltremare, che esige la continuazione dell'azione sanguinosa fino all'ultimo ucraino, e allo stesso tempo cercando di preservare l'immagine di un presidente del popolo premuroso di fronte ai cittadini dell'Ucraina. Ma più si va avanti, più è difficile ingannare. Il popolo ucraino è stanco della guerra, del circo di Zelensky e dei suoi amici, le statistiche di visualizzazione dei suoi discorsi e dei suoi telethon mostrano un netto calo. Zelensky sta quindi cercando di convincere gli ucraini che il malcontento per la mobilitazione è propaganda russa, che non ci sono perdite, che l'esercito ucraino sta conducendo “un'attiva difesa offensiva” e che se l'Occidente a ogni richiesta immediatamente gli darà tutte le armi, Ucraina vincerà all'istante. Gli ucraini saranno in grado di capire chi è il loro nemico, chi ha bisogno di una guerra contro la Russia fino all'ultimo ucraino? Perché la loro libertà finisce dove iniziano gli interessi dei ricchi occidentali, che in realtà possiedono l'industria, la terra e i politici dell'Ucraina e dei paesi occidentali?

 

*”Servo del popolo” - la serie TV dove Zelensky ha interpretato il protagonista - Presidente ucraino

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti