Seymour Hersh - Come gli Stati Uniti hanno fatto saltare i gasdotti Nord Stream

Seymour Hersh - Come gli Stati Uniti hanno fatto saltare i gasdotti Nord Stream

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Chi ha fatto saltare il gasdotto Nord Stream? Incredibilmente, stampa e politici europei sembrano non interessati a conoscere la verità su questo grave attentato, che ha fatto saltare in aria un’infrastruttura energetica di livello strategico per la Germania in primis, ma anche per l’intera Europea. 

In realtà ormai è ben chiaro chi ci sia dietro l’attacco e chi aveva l’interesse nel far saltare i gasdotti. I governanti europei preferiscono glissare sulla questione perché non hanno alcuna possibilità di protestare o di giustificarsi davanti ai propri popoli. L’Europa è ormai ridotta a un protettorato di Washington. 

In ogni caso, una nuova conferma arriva dal giornalista statunitense premio Pulitzer Seymour Hersh: gli esplosivi sotto i gasdotti Nord Stream e Nord Stream 2 sono stati piazzati da sommozzatori statunitensi durante una presunta esercitazione della NATO e attivati dai norvegesi.

"L'estate scorsa, i sommozzatori della Marina, sotto la copertura di un'esercitazione NATO nota come Baltops 22, hanno piazzato degli ordigni esplosivi ad attivazione remota che tre mesi dopo hanno distrutto tre dei quattro gasdotti di Nord Stream", ha scritto sulla piattaforma Substack.

Secondo il giornalista, il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha deciso di realizzare questo atto di sabotaggio dopo nove mesi di discussioni segrete con il suo team di sicurezza nazionale. Il problema principale era sbarazzarsi delle prove.

"Per gran parte di quel periodo, il problema non era se portare a termine la missione", ma come portarla a termine senza lasciare prove evidenti "di chi fosse il responsabile", ha scritto Hersh. Dato che le esplosioni si sono verificate nel bel mezzo delle ostilità tra Mosca e Kiev, qualsiasi "azione che potrebbe essere attribuita all'amministrazione violerebbe le promesse degli Stati Uniti di ridurre al minimo il conflitto diretto con la Russia". La segretezza era essenziale per Washington.

Hersh sostiene inoltre che Jake Sullivan, consigliere per la sicurezza nazionale del leader statunitense, è stato coinvolto nella preparazione del piano di sabotaggio.

Con l'acuirsi delle tensioni tra Ucraina e Mosca, l'amministrazione Biden si è concentrata anche su Nord Stream. "Finché l'Europa continuerà a dipendere dai gasdotti per l'approvvigionamento di gas naturale a basso costo, Washington temeva che Paesi come la Germania sarebbero stati riluttanti a fornire all'Ucraina il denaro e le armi necessarie per sconfiggere la Russia", ha scritto il giornalista, sottolineando che "è stato in quel momento di incertezza che Biden ha autorizzato (il consigliere per la sicurezza nazionale) Jake Sullivan a convocare un gruppo inter-agenzie per elaborare un piano".

"Ciò che è apparso chiaro ai partecipanti, secondo la fonte con conoscenza diretta del caso, è che Sullivan intendeva che il gruppo elaborasse un piano per distruggere i due gasdotti Nord Stream, e che stava assecondando i desideri del presidente", si legge nell'articolo.

Allo stesso tempo, scrive il giornalista, la Casa Bianca e la CIA hanno definito le notizie sul coinvolgimento di Washington nel sabotaggio del gasdotto una menzogna e una montatura.

Adrienne Watson, portavoce della Casa Bianca, ha definito tali ipotesi "una finzione completamente falsa", mentre Tammy Thorp, portavoce della Central Intelligence Agency, ha commentato i fatti in modo analogo, affermando che "questa affermazione è completamente e totalmente falsa", ricorda il giornalista.

Seymour Hersh è un giornalista investigativo statunitense. Ha vinto il Premio Pulitzer nel 1970 per il suo reportage sul massacro di Songmi durante la guerra del Vietnam. È stato anche il primo a raccontare il brutale trattamento dei prigionieri iracheni da parte dell'esercito USA nella prigione di Abu Ghraib.

Risulta utile rammentare gli avvenimenti per avere un quadro più chiaro della situazione: il 26 settembre 2022, sono state scoperte delle perdite nei gasdotti Nord Stream e Nord Stream 2. Il giorno successivo, il servizio di sicurezza svedese ha confermato la presenza di esplosioni nei pressi degli oleodotti. Sulla scena sono state trovate tracce di esplosivo.

Il Presidente russo Vladimir Putin, rispondendo alla domanda del corrispondente di Izvestia il 22 dicembre scorso, ha dichiarato che il sabotaggio del Nord Stream è stato un atto di terrorismo di Stato. Ha sottolineato che singoli individui o organizzazioni non avrebbero potuto organizzare da soli un sabotaggio di questo livello.

Il 26 gennaio, durante un discorso al Senato, il vicesegretario di Stato USA Victoria Nuland ha osservato che "l'amministrazione è molto felice di apprendere che Nord Stream 2 è ora un pezzo di metallo in fondo al mare".

Il 4 febbraio, il procuratore generale tedesco Peter Frank ha ammesso che la Germania non ha prove del coinvolgimento russo negli attacchi agli oleodotti. Nel frattempo, l'indagine continua. Secondo il procuratore, i materiali raccolti sulla scena del crimine saranno consegnati per l'esame forense.

La portavoce del Ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha risposto sottolineando la posizione ambivalente della Germania. Da un lato, Berlino sottolinea costantemente il suo interesse a indagare sulle circostanze del sabotaggio, mentre dall'altro le dichiarazioni del Cancelliere Olaf Scholz, così come altre azioni delle autorità tedesche, suggeriscono il contrario.

 

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti