/ Sfidando gli Stati Uniti, la Cina rafforza i legami con i paesi a...

Sfidando gli Stati Uniti, la Cina rafforza i legami con i paesi africani

 

Il presidente della Repubblica popolare cinese ha incontrato i suoi omologhi di diversi stati africani, compresi quelli di Ghana, Guinea ed Egitto, per rafforzare i legami Pechino-Africa.


Il presidente cinese Xi Jinping ha tenuto riunioni con i presidenti africani alla vigilia del Vertice del Forum di cooperazione Cina-Africa (Focac), che si terrà il 3 e 4 settembre a Pechino.
 
Nelle riunioni tenutesi oggi con le sue controparti in Egitto e Mozambico, rispettivamente Abdel Fatah al-Sisi e Filipe Nyusi, Xi ha sottolineato l'importanza dell'Africa per Pechino e ha sostenuto l'aumento della cooperazione tra i rispettivi paesi.
 
Recentemente, il leader cinese ha incontrato i suoi omologhi di Ghana, Guinea, Malawi, Seychelles, Benin, Mali e Burkina Faso. In tutti gli incontri, le parti hanno espresso il loro interesse a rafforzare le relazioni bilaterali per sostenersi attraverso la cooperazione "win-win", sottolineano i media cinesi.
 
"Il XXI secolo è quello dell'Asia e dell'Africa", ha dichiarato Xi durante l'l'incontro con Patrice Talon, presidente del Benin, aggiungendo che il continente africano "ha un enorme potenziale di sviluppo e che il leone africano risorgerà ruggendo e avanzerà al galoppo nella nuova era "
 
La Cina è il principale
bloomberg.com/news/articles/2018-09-01/china-s-xi-looks-to-africa-to-counter-criticism-of-aid-efforts">partner commerciale dell'Africa e nell'ultimo decennio ha installato più di 2.500 aziende in questo continente. Negli ultimi tre anni, l'investimento diretto annuale medio della Cina in Africa è stato di circa 3 miliardi di dollari in settori come industria, turismo e finanza, tra gli altri, secondo i dati forniti dal Ministero del commercio cinese.
 
Le attività della Cina in Africa sono di grande preoccupazione per Washington, soprattutto perché il paese asiatico "si presenta come un modello più appropriato per lo sviluppo dei paesi africani".
 
Agli Stati Uniti non piace l'idea di perdere la sua influenza in questa regione. Dagli anni '60 del secolo scorso, i paesi occidentali hanno cominciato a considerare l'Africa come una parte della loro area di influenza e quindi sono preoccupati quando un paese non occidentale stringe legami politici ed economici con i paesi del continente africano.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa