/ Siria, i gruppi "ribelli" si riuniscono per formare 'un nuovo ese...

Siria, i gruppi "ribelli" si riuniscono per formare 'un nuovo esercito' con l'appoggio della Turchia

 

Il sedicente 'Esercito siriano libero (FSA) ha incontrato i funzionari turchi e il governo provvisorio dell'opposizione siriana per la consegna di tutte le frontiere al governo ad interim e la formazione di un esercito nazionale.


Come riportano vari media, ieri, si è svolta presso la sede delle forze speciali turche con l'aiuto del governatore di Gaziantep ed il governatore di Kilis, un incontro con il comandante delle forze speciali turche, i rappresentanti dell'intelligence turca, i membri del governo provvisorio della coalizione dell'opposizione siriana ed il vice presidente della coalizione, oltre ai leader delle fazioni dello Scudo dell'Eufrate, concordando quanto segue:
 
  1. Unificare la gestione delle frontiere delle zone sotto il controllo dello Scudo dell'Eufrate e di consegnarle al governo provvisorio.
  2. Raccogliere tutti le imposte dal passaggio della frontiera e collocarli in un fondo a disposizione del governo provvisorio.
  3. Distribuire equamente i fondi della tesoreria tra il governo provvisorio, i consigli locali e l'esercito siriano libero.
  4. La transizione delle fazioni armate verso la formazione di un esercito regolare in due fasi:
 
La prima tappa: la formazione di tre legioni
 
  • La Legione dell'Esercito Nazionalista.
  • Legione del Sultano Murad (turcomano).
  • Legione del Fronte al Shami (che include le Brigate Nour Eddine al Zanki, l'Esercito del Mujahedeen, il Fronte Islamico, raggruppamento F'astaqem Kama Umert, il Fronte di Autenticità e Sviluppo, Ahrar al Sham, Souqour al Sham, il movimento Hazm e centinaia di altri gruppi armati).
 
La seconda fase che avverrà un mese dopo aver completato la prima, procederà a sganciare le fazioni delle loro denominazioni e costruire l'esercito regolare secondo quanto segue:
 
  • Sotto ogni legione operano tre divisioni.
  • Sotto ogni divisione operano tre brigate.
  • Sotto ciascuna brigata operano tre battaglioni.

Durante la seconda fase, tutte le armi, le attrezzature e le sedi appartenenti alle fazioni armate saranno consegnate al Ministero della Difesa del governo provvisorio e l'accordo con coloro che non lo rispettano sarà invalidato.
 
Fonte: Al Mayadeen - Al Masdar News
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa