Siria, l'Iran condanna saccheggio petrolio degli USA. Washington conferma permanenza truppe

Siria, l'Iran condanna saccheggio petrolio degli USA. Washington conferma permanenza truppe

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'Iran ha espresso, sabato scorso, la sua condanna contro l'attacco aereo statunitense nelle vicinanze della provincia siriana di Deir ez Zor, avvenuto in risposta a quello dei presunti droni iraniani contro una base statunitense.

In una nota, il portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Nasser Kanani, ha affermato che gli attacchi "terroristici" compiuti venerdì dagli Usa hanno colpito obiettivi civili e costituiscono una violazione del diritto internazionale e della sovranità siriana.

"La continua presenza militare illegale degli Stati Uniti e l'occupazione di parti del territorio siriano e l'attacco a vari obiettivi in ??questo paese è una violazione del diritto internazionale e della sovranità nazionale e dell'integrità territoriale di questo paese", ha aggiunto il portavoce.

Riferendosi all'intervento militare in Siria guidato da Washington, il portavoce ha sottolineato che si basa solo sul saccheggio di quella nazione. "La pretesa degli Stati Uniti di essere in Siria per combattere lo Stato islamico, nella creazione del quale essa stessa ha svolto un ruolo significativo, è  solo una scusa per continuare l'occupazione  e il saccheggio  della ricchezza nazionale siriana, comprese le sue risorse, i prodotti energetici e i loro cereali", ha denunciato.

Le truppe restano in Siria

Da parte loro, da Washington hanno assicurato di voler mantenere la presenza militare in Siria con le dimensioni attuali, nonostante i recenti attacchi contro le sue strutture.

"Agiremo sempre per difendere le nostre truppe e questo non cambierà, la nostra missione di distruggere lo Stato islamico non cambierà. Abbiamo meno di 1.000 soldati in Siria dedicati a questo compito", ha ribadito, ieri, il coordinatore del Consiglio per le comunicazioni strategiche della Casa Bianca, John Kirby.

Il portavoce non ha escluso ulteriori attacchi di ritorsione contro i gruppi filoiraniani in Siria. "Non escluderei affatto la possibilità di ulteriori azioni statunitensi se il presidente lo ritenesse possibile e necessario per proteggere i nostri militari e le nostre basi", ha aggiunto.

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti