Siria, più di 30 morti negli attacchi israeliani ad Aleppo

Siria, più di 30 morti negli attacchi israeliani ad Aleppo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Due fonti della sicurezza siriana hanno riferito all’agenzia Reuters che l'aggressione israeliana che ha preso di mira la città di Aleppo, nel nord della Siria, ha provocato la morte di 38 persone, tra cui cinque membri di Hezbollah.

All'alba, gli aerei dell'occupazione israeliana hanno effettuato diversi attacchi su alcuni punti della provincia di Aleppo, in concomitanza con un attacco da parte di gruppi terroristici armati che utilizzano droni.

Il corrispondente di Al-Mayadeen a Damasco ha precisato che l'aggressione ad Aleppo è stata condotta da aerei da guerra israeliani e dai gruppi terroristici, prendendo di mira l'area di Jabreen e Al-Safira.

Il Ministero della Difesa siriano ha confermato che un attacco aereo israeliano dalla direzione di Athreya, a sud-est della provincia di Aleppo, intorno all'1:45, che ha preso di mira diversi punti della campagna di Aleppo, nel nord della Siria.

Proprio ieri pomeriggio, due civili siriani sono rimasti feriti in un attacco aereo israeliano dal Golan occupato, che ha preso di mira un edificio residenziale nella zona di Sayyida Zeinab, nella campagna di Damasco.

Il 21 marzo scorso, il rappresentante permanente della Russia presso le Nazioni Unite, Vasily Nebenzia, aveva avvertito durante una sessione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che "gli attacchi israeliani contro la Siria potrebbero trascinare la Repubblica Araba Siriana e i suoi vicini in un confronto regionale su larga scala".

Il rappresentante permanente della Siria presso le Nazioni Unite, Qusay al-Dahhak, ha criticato i Paesi che affermano di avere a cuore i diritti umani e allo stesso tempo sostengono le ripetute aggressioni di Israele contro il suo Paese, affermando che "l'aggressione israeliana minaccia la pace e la sicurezza regionale e internazionale".

La Siria sottolinea che questa aggressione in corso fa parte del tentativo dell'occupazione di coprire i crimini di guerra, il genocidio e i massacri che commette quotidianamente contro il popolo palestinese.

-----------------

L'Associazione "Gazzella" (www.gazzella-onlus.com) è da anni impegnata nel portare assistenza e cure ai bambini palestinesi feriti da armi di fuoco (soprattutto a Gaza). Con lo sterminio in atto e la popolazione allo stremo sono molti i progetti in corso con 4 associazioni affiliate presenti nella Striscia.

LAD EDIZIONI sostiene le attività di "Gazzella" e ACQUISTANDO QUI 
"Il racconto di Suaad" - prigioniera palestinese - (Edizioni Q con la nostra collaborazione) sosterrete i prossimi progetti di "Gazzella" per la popolazione di Gaza: 


 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti