Sputnik V, si arrende anche il NYT

Sputnik V, si arrende anche il NYT

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

 

Data la carenza di vaccini contro il covid-19 nei paesi più ricchi del mondo e il timore che alcune delle nazioni più povere non lo ricevano nemmeno, una soluzione "nascosta in bella vista" potrebbe risiedere nei farmaci sviluppati da Cina e Russia, e presto, forse, per l'India. 

Un'opinione come una'ltra si direbbe, se non fosse il fatto che è stata espressa in un articolo per il New York Times  scritto da Achal Prabhala, un attivista indiano per la salute pubblica che promuove una più ampia distribuzione di vaccini, e Chee Yoke Ling, un avvocato malese che ha lavorato per un decennio per migliorare l'accesso ai farmaci in Cina.

Gli analisti ricordano che sebbene i vaccini provenienti da Cina e Russia siano stati inizialmente "scartati" dai media occidentali - in parte a causa della percezione che fossero "inferiori" a quelli prodotti da Moderna, Pfizer-BioNtech o AstraZeneca -, le prove accumulate nel tempo dimostramno che "funzionano bene anche". 

 

 

A tal proposito, ricordano che la prestigiosa rivista medica The Lancet ha pubblicato questa settimana i risultati provvisori della sperimentazione di fase III dello Sputnik V, da cui risulta che il farmaco russo ha un tasso di efficacia del 91,6%. 

D'altra parte, un certo numero di paesi ha già approvato i vaccini cinesi Sinopharm e Sinovac, nonché il russo Sputnik V. Quando hanno esaminato questi vaccini, hanno "preso decisioni basate sulle informazioni", sulla base dei dati sulla loro sicurezza ed efficacia forniti dal Produttori cinesi e russi - molti dei quali pubblicati anche su riviste scientifiche peer-reviewed - o dopo studi indipendenti, sottolineano gli autori. Presumere il contrario - affermano - "significa dubitare della capacità o integrità di questi governi, alcuni dei quali hanno sistemi di regolamentazione sanitaria paragonabili a quelli degli Stati Uniti o dell'Europa.

Di fronte a gravi carenze di vaccini e ritardi nelle consegne, Francia, Italia, Spagna e Germania iniziano ora a parlare della possibilità di ordinare vaccini cinesi e russi. La "semi-disperazione" apparentemente li ha finalmente portati a denunciare i pregiudizi contro i vaccini non occidentali, secondo gli esperti. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO