Tornare in Africa è un lusso non concesso

Tornare in Africa è un lusso non concesso

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Michelangelo Severgnini

 
Un paio di giorni fa un ragazzo africano di 22 anni si sarebbe tolto la vita all'interno del CPR (Centro Permanenza e Rimpatri) di Ponte Galeria a Roma.

Le ragioni che lo avrebbero spinto al gesto estremo sarebbero legate alle terribili condizioni nelle quali era tenuto.

Sotto accusa ci sono le politiche anti-immigrati del governo Meloni.

Ma, dopo un breve approfondimento, ammesso di non essere sotto ipnosi, emerge un elemento molto interessante, riportato da alcuni, omesso da altri.

Tuttavia è lo stesso Riccardo Magi (nel video a questo link: https://www.facebook.com/share/v/w56qa71kpoGuZbiJ/), segretario e deputato di "+Europa" a riferire quanto non tutti si sono sentiti di riportare: "Il ragazzo chiedeva inutilmente di essere riportato a casa".

La frase è una di quelle che la mente ipnotizzata dall'ideologia dell'accoglienza normalmente non coglie.

Se racconti la favola che scappano da guerre e miseria, non ha senso che quel ragazzo voglia tornare a casa.

Ma se lasci raccontare gli stessi migranti-schiavi, magari quando sono ancora intrappolati in Libia, emerge in maniera limpida come la quasi totalità di loro sia stata attratta con l'inganno all'interno della tratta di esseri umani e che quindi non era pronta ad affrontare quello che poi ha incontrato lungo la strada.

A queste condizioni, un qualsiasi essere vivente (piante escluse) torna indietro.

Ma no, una volta in Libia questi disgraziati sono nelle mani delle milizie e una volta in Italia nelle mani del governo e del fanatismo dell'Accoglienza.
 
Tornare a casa?

Non esiste.

Ogni anno vengono rimpatriate pro-forma solo poche migliaia di stranieri.

Un anno fa gli industriali italiani avevano espressamente chiesto 200mila nuovi lavoratori stranieri e la Meloni ha cercato in tutti i modi di accontentarli.

Quale fallimento della Meloni?
 
Una volta sbarcati, nemmeno se lo chiedono i migranti stessi, li portano a casa.
 
Ormai sono schiavi, di proprietà nostra, e il governo se li tiene stretti in attesa di capire come impiegarli.

Qualora escano dai CPR poi, sono manodopera illegale e sottocosto a disposizione sul mercato del lavoro.

Ma tornare a casa: questo mai.

L'illegalità, se non altro, sancisce questo: a casa non torni.

Destra e sinistra sono i due carcerieri, quello cattivo e quello buono, dello stesso schiavismo.

-------------

Guarda il documentario di Michelangelo Severgnini "UNA STORIA ANTIDIPLOMATICA"

Per i nostri abbonati Youtube

e su Vimeo 
 
UNA STORIA ANTIDIPLOMATICA
(’75, 2024)



Regia di Michelangelo Severgnini
Prodotto da L’AntiDiplomatico
Una “Costituente della Migrazione”
con le prove che nessuno mai ti mostrerà

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti