Un amico di Assange: "Julian mi ha chiamato e raccontato come sta morendo lentamente"

Un amico di Assange: "Julian mi ha chiamato e raccontato come sta morendo lentamente"

Il giornalista Vaughan Smith ha dichiarato che l'australiano è tenuto in isolamento per 23 ore al giorno

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il giornalista Vaughan Smith, amico di Julian Assange, ha dichiarato che il fondatore di Wikileaks lo ha chiamato alla vigilia di Natale e ha denunciato le condizioni in cui è imprigionato nel carcere di massima sicurezza di Belmarsh a Londra.



"Ha detto a me e mia moglie come stava lentamente morendo a Belmarsh dove, sebbene solo in detenzione preventiva, è tenuto in isolamento per 23 ore al giorno ed è spesso sedato", ha scritto in un tweet, pubblicato il 26 dicembre , senza fornire dettagli sulle situazioni in cui i tranquillanti si applicano ad Assange.

"La procedura di estradizione inizia a febbraio e ha un disperato bisogno del nostro sostegno", ha aggiunto.

Smith ha anche pubblicato un tweet con una foto del giornalista australiano scattata nel 2010, quando Assange - che è stato poi rilasciato su cauzione - ha visitato la famiglia del suo amico per festeggiare il Natale.

 


"Sembrava orribile"

Successivamente, nel contesto di una conversazione con RT, Smith ha confermato che Assange gli stava parlando della morte. "Mi ha detto questo: ' Sto lentamente morendo qui '",. Inoltre, ha precisato di aver notati che il fondatore di Wikileaks ha avuto difficoltà a parlare durante la chiamata e ha parlato "lentamente". "Sembrava orribile ... è stato molto fastidioso ascoltarlo", ha detto.
Durante l'intervista, Smith ha chiarito che Assange non gli ha detto durante la chiamata di essere sedato, anche se ha detto "questo sembrava abbastanza ovvio ". Secondo le sue dichiarazioni, le persone che hanno visitato il giornalista australiano hanno avuto la stessa opinione.

"In primo luogo non capisco perché si trova nella prigione di Belmarsh", ha evidenziato Smith, aggiungendo che Assange "non è un pericolo pubblico". Il fondatore di WikiLeaks "ha generato una discussione, un dibattito su come dovrebbe essere la trasparenza nell'era digitale " , ha ricordato.

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti