"Una questione di vita o di morte": Julian Assange, giornata decisiva per evitare l'estradizione negli USA

"Una questione di vita o di morte": Julian Assange, giornata decisiva per evitare l'estradizione negli USA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Secondo giorno di udienza presso l’Alta Corte di Londra dove si deciderà, nel secondo giorno di dibattimento, sull’estradizione negli Stati Uniti del Fondatore di WikiLeaks, il giornalista australiano Julian Assange.

Date le sue condizioni precarie di salute, ieri, Assange non ha partecipato alla prima udienza. Sua moglie Stella ha ribadito l’importanza di questa giornata per Julian, ritenendola una questione di vita o di morte.

 "La sua salute è in declino, fisicamente e mentalmente. La sua vita è in pericolo ogni giorno in cui resta in prigione, e se verrà estradato, morirà."

I legali del giornalista australiano punteranno, nella loro difesa, sul fatto che per il loro assistito non c’è la garanzia di un giusto processo negli Stati Uniti, che un trattato tra Washington e Londra vieta l'estradizione per crimini politici e che il reato di spionaggio non è fra quelli che può essere applicato agli editori.

Uno dei legali di Assange, Edward Fitzgerald, durante il processo ha ricordato che il suo assistito è perseguitato per "aver svolto la normale pratica giornalistica di ottenere e pubblicare informazioni riservate, informazioni che sono allo stesso tempo vere e di evidente e importante interesse pubblico."

Nel caso l’Alta Corte si pronuncerà per l’estradizione, Assange può ricorrere ai tribunali britannici. Inoltre, la sua equipe difensiva ha già annunciato che ricorrerà alla Corte europea per i diritti dell’Uomo. Si teme, comunque, che possa essere estradato prima che la Corte europea possa pronunciarsi.

Assange paga la colpa di aver diffuso attraverso WikiLeaks le atrocità commesse dagli Stati Uniti nelle guerre mascherate da difesa dei diritti umani in Afghanistan e Iraq, conflitti che hanno causato centinaia di migliaia di morti e paesi devastati.

Colpire Assange deve essere un esempio, un monito, un avvertimento da lanciare in maniera definitiva.

La Strategia di Washington è semplice: chiunque divulghi informazioni sui governi occidentali sui loro crimini o malefatte nei loro paesi o all’estero deve in qualche modo morire.

 

------------------------------

TRE LIBRI IMPERDIBILI PER CAPIRE LA PALESTINA: PROMOZIONE IN COLLABORAZIONE CON EDIZIONI Q



SCOPRI I TRE LIBRI

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti