Venezuela: la determinazione di Maduro a difesa di pace e sovranità nazionale

Venezuela: la determinazione di Maduro a difesa di pace e sovranità nazionale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolas Maduro, ha assicurato che il governo bolivariano non permetterà la realizzazione di piani di sabotaggio miranti a rompere la pace nel paese. 

"Qual è la più grande conquista della nostra patria in questi anni di lotta attiva? Direi: la pace sociale, la pace politica, la pace del popolo, la pace della Repubblica", ha affermato durante una riunione di lavoro con governatori, deputati e membri del comando militare del Paese. 

Il leader venezuelano ha invitato il suo popolo a difendere la pace e a organizzarsi nel potere popolare per raggiungere questo obiettivo in tutti gli spazi territoriali della nazione, come riferisce l’emittente teleSUR

"Ci sono piani contro la pace del popolo, ci sono piani per trasformare l'odio in violenza, e non possiamo permetterlo", ha avvertito.

In questo senso, il capo di Stato venezuelano ha annunciato la decisione di attivare n nuovo organismo di potere popolare "per difendere e garantire, con la Costituzione in mano, la pace territoriale di tutta la Repubblica Bolivariana del Venezuela".

Si tratta del Consiglio speciale per la pace (Cepaz), un organismo nazionale che si propone di articolare, costruire e dirigere le Unità popolari per la pace (Upaz). Queste a loro volta, secondo il presidente venezuelano, saranno collegate alle Unità di Difesa Integrale della Milizia Nazionale Bolivariana.

In questo senso, Maduro ha sottolineato che di fronte all'emergere di una nuova identità nazionale, la pace è una parte essenziale di questa.

"Abbiamo raggiunto una pace profonda perché è stata raggiunta, è stata costruita, nessuno ce l'ha regalata. L'armonia nazionale, il trattare gli altri con amore, con tolleranza, un insieme di valori che garantiscono la pace basata sull'amore, sulla solidarietà e sulla tolleranza nazionale”. 

Il paese sudamericano è inoltre impegnato, come ha ribadito Maduro, nella costruzione di di un nuovo modello economico produttivo, diversificato, post-petrolifero, non dipendente, con una vocazione all'esportazione e che soddisfi i bisogni nazionali, guidato dai 18 motori.

Il presidente ha poi affrontato il tema delle "sanzioni criminali, illegali e immorali" che sono state applicate contro il Venezuela. A questo proposito, ha sottolineato che le misurazioni delle organizzazioni nazionali dedicate alla ricerca sociale mostrano che "tra l'84 e l'88% dei venezuelani chiede la revoca delle sanzioni".

Nonostante la situazione complicata in un cui è costretto a operare un paese gravato da criminali sanzioni, il Venezuela è impegnato a recuperare lo Stato sociale, che include il recupero dei diritti sociali che sono stati persi a causa delle sanzioni. 

"Forse questa è la cosa più difficile che otterremo nei prossimi anni: ripristinare tutti i diritti lavorativi e sociali del nostro popolo e ricostruire lo Stato sociale delle missioni sociali, lo stato di uguaglianza sociale, lo stato di felicità sociale fondato dal Comandante Chávez nell'idea di Bolívar", ha affermato.

Intanto, con 'obiettivo di fornire assistenza completa e protezione sociale al popolo venezuelano, il governo nazionale ha annunciato la creazione di tre nuove missioni.

Le tre nuove grandi missioni sono state elaborate, pensate, consultate e pianificate dal governo nazionale per fornire un'assistenza completa ai venezuelani, al fine di combattere la povertà e la disuguaglianza.

Si tratta di 3 missioni socialiste:

- Venezuela Donne
- Venezuela Giovani
- Uguaglianza, felicità sociale del popolo.

Difesa della sovranità

Il Venezuela è anche impegnato nella difesa della propria sovranità territoriale minacciata dalle manovre degli Stati Uniti, il governo della Guayana e la multinazionale Exxon che puntano a sottrarre la regione contesa dell’Essequibo perché ricca di risorse naturali. 

Maduro ha dunque fatto appello al popolo a unirsi moralmente, spiritualmente e politicamente, per recuperare i diritti storici, legali, territoriali e marittimi del Venezuela sul territorio della Guayana Esequiba.

Durante la riunione di lavoro, il presidente venezuelano ha denunciato che la Exxon Mobil in Guyana ha annunciato la consegna di blocchi petroliferi nel mare non delimitato della Guayana Esequiba, che appartiene al Venezuela.

Ha dichiarato che la Exxon Mobil e il Comando Sud degli Stati Uniti presente in Guyana intendono violare i diritti del Venezuela sul mare del Delta dell'Amacuro e della Guayana Esequiba.

A tal proposito è intervenuto anche il presidente dell’Assemblea Nazionale venezuelana Jorge Rodríguez, il quale ha indicato che la questione della Guayana Esequiba è nell'interesse di tutto il Paese, indipendentemente dalle posizioni politiche.

"La diplomazia di pace del comandante Chávez e del presidente Nicolás Maduro è sempre stata finalizzata alla ricerca di un accordo nel quadro e nello spirito degli accordi di Ginevra del 1966", ha ricordato.

Dunque ha ha spiegato che al momento il governo della Guyana "è stato sequestrato da una compagnia petrolifera transnazionale che vuole rubare il petrolio venezuelano".

Rodríguez ha affermato che per storia, tradizione e realtà geopolitica, la Guyana Esequiba è territorio venezuelano, e ha quindi suggerito di indire un referendum consultivo in cui la popolazione indichi le azioni che il Paese dovrebbe intraprendere per difendere il territorio.

L’eredità di Hugo Chávez

Il leader venezuelano ha infine ricordato che il 4 ottobre 2012 la campagna presidenziale del Comandante Hugo Chávez si chiuse con un atto che è passato alla storia della nazione bolivariana. 

"Quella meravigliosa notte in cui il Comandante Chávez partecipò, senza saperlo, alla sua ultima manifestazione pubblica di massa della sua vita", ha evidenziato Maduro.

Il presidente ha descritto Chávez come vittorioso, invitto e invincibile e ha assicurato che questo è il modo in cui viene ancora ricordato.

Pace, democrazia e sovranità nazionale

Quanto affermato ci offre una visione chiara della determinazione del presidente Maduro e del governo venezuelano nel preservare la pace, la sovranità e il benessere del loro paese bersagliato incessantemente dall’imperialismo statunitense. La creazione del Consiglio speciale per la pace e delle Unità popolari per la pace ribadiscono un impegno tangibile nella protezione della stabilità territoriale e nella difesa dei diritti sociali dei cittadini.

La situazione geopolitica complessa, con le sanzioni internazionali e le minacce esterne, rende ancora più vitale l'unità del popolo venezuelano per affrontare queste sfide. Il richiamo a un referendum consultivo per definire le azioni necessarie per difendere il territorio è un segno di democrazia e partecipazione popolare a dispetto di quanti ancora si affannano nel definire il Venezuela bolivariano una dittatura e Maduro un tiranno dispotico.

In definitiva, Maduro riflette la resistenza e la determinazione del Venezuela nel perseguire la sua visione di un futuro pacifico e prospero, nonostante le sfide e le pressioni internazionali. La pace e la sovranità rimangono i pilastri su cui il paese si fonda, guidato dalla eredità di un grande leader come Hugo Chavez.

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti