Venezuela: Maduro denuncia piani cospirativi finanziati dagli USA

Venezuela: Maduro denuncia piani cospirativi finanziati dagli USA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, ha denunciato che settori dell’oligarchia sono tornati a battere la strada della violenza politica e della destabilizzazione finanziando piani di cospirazione da parte di Stati Uniti e Colombia, quattro dei quali sono stati smantellati quest'anno, come riferisce teleSUR. 

"Nell'anno 2023 ne abbiamo smantellate cinque e quest'anno (...) sono state smantellate quattro cospirazioni, tutte finanziate da Miami dai gringos", ha detto il leader venezuelano nel suo programma settimanale Con Maduro+.

"Tutti i cinque dell'anno scorso e i quattro di quest'anno sono stati preparati dalla Colombia in una base segreta della CIA e dell'FBI, con ex funzionari". 

"Ho i nomi dei funzionari di alto livello che erano nei governi di (Álvaro) Uribe e (Iván) Duque e che hanno condotto la campagna di cospirazione contro il Venezuela. Li ho per nome, cognome, posizione, tutto viene da lì, ma per fortuna, visto che Dio è con noi, chi è contro di noi?", ha affermato il leader bolivariano. 

Gli Stati Uniti promuovono una campagna per delegittimare le elezioni

Il presidente venezuelano ha anche affermato che il governo statunitense sta promuovendo una campagna per delegittimare le elezioni presidenziali del 28 luglio.

A tal proposito Nicolas Maduro ha ribadito che il suo paese ha il "sistema elettorale più affidabile del mondo", motivo per cui ha insistito sul fatto che il 28 luglio si terranno elezioni "verificabili e trasparenti".

"È iniziato il circo, è iniziata la campagna. Vedo nervi a Washington e nei cognomi. Smettete di avere paura, il Venezuela ha il sistema elettorale più affidabile del mondo (...) Si uniscono alle campagne mentendo e alla fine la verità del Venezuela si impone, dietro l'inganno. La Settimana Santa è stata impressionante in termini di informazione. In Venezuela ci saranno elezioni verificabili e trasparenti", ha osservato.

Tuttavia, il presidente ha dichiarato di non avere tempo "da perdere negli intrecci della destra", poiché "spetta a noi lavorare. E quindi si proununci chi vuole, noi continueremo per la nostra strada, abbiamo un piano e siamo uniti".

A suo dire, è l'unico dei candidati alla presidenza ad aver presentato un piano di governo scritto.

"L'unico piano di lavoro dei candidati registrati, l'ho presentato perché l'ho scritto con il popolo, non per i cognomi, non per gli oligarchi, non per Washington. L'unico che può mostrare la sua faccia e pubblicare un piano di governo coerente siamo noi, nessun altro!”. 

Gli Stati Uniti e l'Europa stanno cercando di sviare dalla verità sull'attentato di Mosca

Il leader venezuelano ha analizzato anche l'attacco terroristico del 22 marzo a una sala concerti di Mosca, la capitale russa, che ha causato 144 morti, e ha sottolineato che Europa e Stati Uniti "stanno cercando di sviare l'attenzione dell'opinione pubblica, la verità e le indagini".

Il presidente ha sottolineato che le matrici di opinione hanno cercato di imporre la tesi che "è stata una punizione contro Putin per aver vinto le elezioni, è stata una dimostrazione che Putin non aveva il controllo della sicurezza".

"Ho letto tutte le agenzie di stampa, la CNN in inglese e in spagnolo, l'Associated Press, che dicevano che era una punizione contro Putin per aver vinto le elezioni e che era una dimostrazione che Putin non controllava la sicurezza, in altre parole, stavano rivelando - con quello che riportavano dagli Stati Uniti, con quello che pubblicavano - l'intenzione del colpo di Stato terroristico che avevano realizzato", ha denunciato.

Il leader bolivariano ha affermato che, alla fine, l'attacco terroristico è stato commesso da "mercenari inviati per danneggiare il popolo russo".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite di Pasquale Cicalese L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE di Giuseppe Masala Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti