Vertice di Accra. L'Ecowas prepara la macchina bellica per l'intervento in Niger

Vertice di Accra. L'Ecowas prepara la macchina bellica per l'intervento in Niger

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!




PICCOLE NOTE


I Capi di Stato maggiore dei Paesi dell’ECOWAS si sono riuniti il 16 e 17 agosto ad Accra (Ghana) per organizzare un contingente militare congiunto in vista di prossimo intervento armato in Niger, da attuare se la diplomazia fallisse. La macchina bellica, dunque, non si ferma e la prospettiva di una nuova e più disastrosa guerra africana è reale.


La spinta per l’intervento dell’ECOWAS

A spingere per un intervento è soprattutto la Francia, ma è indicativo che il portavoce del Dipartimento di Stato Usa  John Kirby, interpellato sul tema, abbia rispostoNon ho intenzione di parlare sull’intervento da parte dell’ECOWAS o di chiunque altro”, aggiungendo che gli USA sono per la diplomazia.

Non potendo sostenere apertamente l’intervento, perché ciò metterebbe a rischio il proprio contingente militare stanziato in Niger, l’America ha precisato che non porrà veti a un’invasione da parte dell’ECOWAS o di altri, dove l’allusione è alla Francia che supporterebbe indirettamente le forza di intervento (informazioni, truppe speciali, altro).

Se l’invasione avrà luogo, non sarà l’ennesima guerra africana i cui effetti sarebbero limitati al continente, ma avrebbe effetti simili a quella libica che ha precipitato un intero Paese nell’instabilità permanente, scatenato nuove ondate migratorie e alimentato il terrorismo internazionale.

Ne sono consapevoli i Paesi africani, tanto che il comunicato conclusivo della riunione del Consiglio per la pace e la sicurezza (PSC) dell’Unione africana, che si è tenuta lunedì 14 agosto, dichiara chiaramente l’opposizione a un simile intervento.

Presa di posizione in qualche modo storica. Infatti, come scrive NigerDiaspora, la “decisione dell’Unione Africana è particolarmente sorprendente perché va contro la tradizione di accompagnare le decisioni delle organizzazioni regionali, cosa che finora è stata una norma per l’UA”.

A guidare questa eventuale guerra per procura africana per tutelare gli interessi occidentali sarebbe la Nigeria, meglio: il suo presidente Ahmed Tinubu, i cui legami con l’America sono stati oggetto di una nostra nota precedente. Né può essere diversamente, dal momento che l’esercito nigeriano è indispensabile per mettere su un contingente militare adeguato.


Il suicidio dell’Africa

Tuttavia, come ha detto al New York Times Ebenezer Obadare, del Council on Foreign Relations, “un intervento militare sarebbe un suicidio” per Abuja e l’ECOWAS, perché procurerebbe danni all’economia, dirottando risorse preziose verso la guerra, e lacererebbe il tessuto sociale della popolazione nigeriana.

Infatti, continua i Nyt, “le regioni di confine di entrambi i paesi condividono una composizione etnica simile: Hausa, Fulani e altri gruppi etnici. ‘Kannywood’, l’industria cinematografica con sede nella città di Kano, nel nord della Nigeria, offre alle famiglie del Niger intrattenimento in lingua hausa”.

A dimostrazione di tale lacerazione anche le voci di un possibile colpo di stato militare in Nigeria che si sono diffuse a seguito delle proteste scoppiate ad Abuja e in altre città nigeriane contro l’intervento armato in Niger. Voci smentite dalle forze armate, ma ugualmente significative.

Lo riporta AnalisiDifesa in un un articolo dal titolo: “Intervento militare in Niger: il rischio dell’effetto boomerang”, nel quale si legge anche: che “il crescente malcontento in Africa contro l’Occidente potrebbe espandersi a macchia d’olio” se scoppiasse la guerra.

Inoltre, il golpe in Niger gode di un sostegno popolare ignoto ai Paesi confinanti, proprio perché ha i tratti di una ribellione contro il persistente colonialismo occidentale. Le forze di occupazione potrebbero trovarsi di fronte alla necessità di sedare questo ribellismo diffuso. Nel sangue.


Il silenzio dell’Occidente

Eppure, nonostante i disastri che si profilano all’orizzonte, pochi leader politici delle nazioni europee hanno dichiarato pubblicamente la loro netta opposizione a questa avventura militare. Come se fosse qualcosa di fastidiosamente secondario. Sono gli stessi leader che si dicono addolorati per la sorte del popolo ucraino…

A proposito di questa indifferenza dei politici e dei media della UE, va notato che gli artisti della propaganda hanno impiegato un usuale escamotage semantico per diminuire la portata di quanto sembra profilarsi all’orizzonte.

Mentre per la guerra ucraina si parla ossessivamente di “invasione russa”, per la possibile guerra in Niger si usa l’espressione “intervento armato” (così è stata definita anche l’invasione dell’Iraq e le altre recenti guerre d’Occidente).

Peraltro, anche l’intervento russo in Ucraina deve la sua genesi a un golpe, quello di piazza Maidan, che ha portato al governo politici sempre più proni ai desiderata d’Occidente e sempre più ostili a Mosca.

La “brutale e non provocata invasione russa” è stato il refrain che ha accompagnato ossessivamente il conflitto ucraino. La brutale e non provocata invasione del Niger da parte delle truppe dell’ECOWAS, supportate dalla NATO, vedrà tutt’altra narrazione.


 Piccole Note

Piccole Note

 

Piccole Note è un blog a cura di Davide Malacaria. Questo il suo canale Telegram per tutti gli aggiornamenti: https://t.me/PiccoleNoteTelegram

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta di Clara Statello Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti