Vertice in Brasile: Lula guida una nuova integrazione regionale

Vertice in Brasile: Lula guida una nuova integrazione regionale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Diversi leader latinoamericani, tra cui i presidenti di Argentina, Bolivia e Venezuela, sono arrivati a Brasilia per la riunione dei presidenti sudamericani, convocata dal presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva.

"In risposta all'invito del nostro fratello presidente Lula, stiamo partendo per il Brasile per l'incontro dei presidenti sudamericani. In unità decideremo il nostro futuro", ha dichiarato il presidente su Twitter il presidente della Bolivia Luis Arce. 

In Brasile è giunto anche il presidente dell’Argentina Alberto Fernandez. Secondo i media locali, Alberto Fernández è partito con il suo entourage per partecipare alla riunione dei presidenti sudamericani con l’obiettivo principale di rilanciare l'Unasur.

Il presidente venezuelano Nicolás Maduro è già nel gigante sudamericano dopo che il suo Paese ha ripreso le relazioni diplomatiche con Brasilia.

L’emittente teleSUR afferma che al vertice prenderà parte anche il presidente del Cile Gabriel Boric. I media locali affermano che, al termine dell'incontro, rilascerà una dichiarazione alla stampa dal Ministero degli Esteri brasiliano.

All'incontro dei presidenti sudamericani parteciperanno i capi di Stato di Argentina, Bolivia, Colombia, Ecuador, Guyana, Paraguay, Suriname, Uruguay e Venezuela, oltre al padrone di casa.

Il Perù sarà l'unico Paese a non avere una rappresentanza presidenziale, poiché Dina Boluarte ha bisogno dell'autorizzazione parlamentare per lasciare il Paese. Al suo posto parteciperà il Presidente del Consiglio dei Ministri.

In Ecuador, i rappresentanti delle organizzazioni sociali hanno espresso oggi il loro sostegno alla riattivazione dell'Unione delle Nazioni Sudamericane, anche se il presidente Guillermo Lasso non mostra interesse per questo blocco di integrazione.

Con questo vertice regionale il presidente brasiliano Lula vuole rilanciare l'integrazione sudamericana.  L'ordine del giorno dell'incontro comprende l'integrazione regionale, la salute, le infrastrutture, l'energia, l'ambiente e la lotta al crimine organizzato.

Il ministro degli Esteri brasiliano, Mauro Vieria, ha chiarito che non si tratta di un vertice dell'Unione delle Nazioni Sudamericane (Unasur), fondata nel maggio 2008 dai 12 Paesi della regione.

Secondo Vieira, durante il vertice di questa settimana si cercherà di individuare un terreno comune e "non le differenze", e si discuterà anche di iniziative concrete come le infrastrutture e la sicurezza delle frontiere. Il capo della diplomazia brasiliana ha assicurato che si tratterà di un dialogo di alto livello "privo di bagaglio ideologico".

L'obiettivo di questo vertice, che si terrà quasi interamente a porte chiuse, è quello di riprendere il dialogo e analizzare la possibilità che la regione torni ad avere un forum di integrazione "puramente sudamericano", "permanente, inclusivo e moderno".

L'incontro tra i leader segnerà il ritorno del presidente venezuelano nello spazio di integrazione regionale. Durante la sua presidenza, Bolsonaro ha interrotto le relazioni tra Brasile e Venezuela, ordinando persino la chiusura dell'ambasciata e l'espulsione dei diplomatici del governo di Maduro.

Il vertice avrà due sessioni martedì presso il ministero degli Esteri. Dopo essere stati ricevuti da Lula, i presidenti prenderanno parte alla prima parte dell'incontro, in cui ciascuno farà una dichiarazione individuale.

Nel pomeriggio è prevista una conversazione più informale tra i leader sudamericani, ha dichiarato il Ministero degli Esteri brasiliano in un comunicato.

Lula e la First Lady, Rosángela Janja da Silva, hanno anche invitato i leader a una cena al Palazzo Alvorada. 

Secondo l'ambasciatore Gisela Figueiredo Padovan, segretario per l'America Latina e i Caraibi presso il Ministero degli Affari Esteri brasiliano, l'agenda del vertice, oltre all'integrazione, comprende questioni comuni nei settori della salute, delle infrastrutture, dell'energia, dell'ambiente e della lotta alla criminalità organizzata.

"L'idea è quella di riprendere il dialogo e la cooperazione con i Paesi sudamericani. Individuare i denominatori comuni per vedere come avviare un percorso verso un meccanismo di cooperazione puramente sudamericano", ha detto l'ambasciatore.

"È forse l'unica regione al mondo a non avere questa istituzione di dialogo", ha sottolineato Figueiredo Padovan.

"Poiché la regione possiede capacità e risorse che saranno fondamentali per il futuro dell'umanità, come le risorse naturali, l'acqua, i minerali e le aree per la produzione alimentare, è possibile avviare immediatamente un programma concreto di cooperazione", ha aggiunto.

Rilancio di una nuova integrazione

L'ultima riunione a cui hanno partecipato i 12 presidenti dei Paesi che compongono l'Unasur risale al 2014 in Ecuador. Dopo l'impeachment di Dilma Rousseff nel 2016, la regione ha conosciuto un'ondata di governi di destra e l'Unasur come meccanismo di integrazione sudamericana è passata in secondo piano.

"Questo è visto come la ripresa di un processo che si stava affievolendo dopo l'impeachment di Dilma e le sconfitte elettorali dei governi di sinistra della regione", ha dichiarato al quotidiano argentino Pagina|12 Carolina Silva Pedroso, docente di Relazioni Internazionali presso l'Università federale di San Paolo (Unifesp).

Creata nel maggio 2008 durante la seconda presidenza brasiliana di Lula, l'obiettivo pratico dell'Unasur era quello di raggiungere una maggiore articolazione politica tra i Paesi senza dover ricorrere all'OSA o a potenze straniere, ha aggiunto Silva Pedroso. Lo spazio ha anche permesso al Brasile di esercitare una leadership regionale.

Nel 2019, con l'arrivo di Jair Bolsonaro come presidente del Brasile e di Mauricio Macri come presidente dell'Argentina, l'Unasur è stata seppellita. Al suo posto, gli ormai ex presidenti hanno aderito al Prosul, un gruppo continentale di destra promosso dall'ex presidente cileno Sebastián Piñera.

Il mese scorso, tuttavia, il presidente argentino Alberto Fernández e il suo omologo brasiliano Lula da Silva hanno confermato che entrambi i Paesi sarebbero rientrati nell'Unasur.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Le "non persone" di Gaza di Paolo Desogus Le "non persone" di Gaza

Le "non persone" di Gaza

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez di Geraldina Colotti Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura di Michelangelo Severgnini 20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa" di Paolo Arigotti La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti