Washington, pressioni su Kiev per statuto speciale sul Donbass?

Washington, pressioni su Kiev per statuto speciale sul Donbass?

Foto Associated Press

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dai venti di guerra con il pretesto trovato dall'amministrazione Usa, guidata da Joe Biden, su una presunta invasione russa dell'Ucraina, si è passato in pochi giorni, a concessioni impensabili fino a poco fa.

L'Associated Press ha diffuso questa notizia: Washington potrebbe far pressione su Kiev affinché conceda uno statuto speciale per il Donbass.

L'AP ha citato funzionari dell'amministrazione Biden , secondo i quali "gli Stati Uniti spingeranno l'Ucraina a cedere formalmente una misura di autonomia alle terre dell'Ucraina orientale ora controllate dai separatisti sostenuti dalla Russia che insorsero contro Kiev nel 2014. Uno 'status speciale' indefinito per quelle aree è stato stabilito in un ambiguo accordo di pace mediato dall'Europa nel 2015, ma non ha mai preso piede."

Questa mossa tra l'altro è strettamente legata alla richiesta di Kiev di entrare nella NATO, eventualità sulla quale vigile il presidente russo Putin, il quale, ieri ha chiarito che se l'Ucraina entrerà nell'alleanza atlantica, Mosca non resterà a guardare.

L'AP, a tal proposito, ha ricordato come "alti funzionari del Dipartimento di Stato hanno detto all'Ucraina che è improbabile che l'adesione alla NATO venga approvata nel prossimo decennio, secondo una persona che ha familiarità con quei colloqui privati ??che ha parlato a condizione di anonimato."

Quindi, per il media americano, "per Biden, la sfida sarà incoraggiare Kiev ad accettare alcuni dei fatti sul campo nell'Ucraina orientale, senza sembrare cedere a Putin."

Il messaggio sullo Statuto speciale del Donbass, diffuso da AP, potrebbe essere considerata una concessione di Washington, o questo sarebbe il messaggio che si vuole veicolare, non si esclude che possa essere una moneta di scambio da usare per l'avvicinamento delle truppe NATO ai confini russi.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa di Antonio Di Siena Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti