/ WikiLeaks ha pubblicato una lettera di Hillary Clinton dove ricon...

WikiLeaks ha pubblicato una lettera di Hillary Clinton dove riconosce che il Qatar e l'Arabia Saudita sostengono l'ISIS

 

In una lettera al consigliere dell'ex Presidente Barack Obama, John Podesta, l'ex Segretario di Stato degli Stati Uniti Hillary Clinton del 2014, proponeva di esercitare pressioni su Qatar e Arabia Saudita per porre fine al sostegno dei terroristi.


Il Qatar ha sostenuto, insieme all'Arabia Saudita, i terroristi dell'ISIS con il supporto finanziario e logistico, e Washington era a conoscenza di tutto. È quanto sostiene la corrispondenza della ex Segretario di Stato Hillary Clinton con al consigliere l'allora presidente degli Stati Uniti Barack Obama, John Podesta. Una delle lettere inviate nel mese di agosto 2014, è stata pubblicata sul sito Wikileaks.
 

 
"Abbiamo bisogno di utilizzare le nostre risorse più tradizionali diplomatiche di intelligence per fare pressione sui governi di Qatar e Arabia Saudita, che stanno fornendo sostegno finanziario e logistico clandestino all'ISIS e ad altri gruppi sunniti nella regione", si legge nella lettera, intitolata 'Le fonti, comprese le fonti di intelligence occidentali e di intelligence degli Stati Uniti nella regione'.

 
Inoltre, nella lettera Podesta propone a Clinton di considerare le opzioni di equipaggiare il Free Syrian Army e altri gruppi.
 
Ieri, otto paesi tra i quali Arabia Saudita, Bahrain, Emirati Arabi Uniti, Egitto, Yemen(il governo riconosciuto dall'Arabia Saudita NDT), Libia, Maldive e Mauritius hanno rotto le relazioni diplomatiche con il Qatar, che accusano di sostenere il terrorismo. La decisione è arrivata dopo una dichiarazione del emiro del Qatar, lo sceicco Tamim bin Hamad al-Thani, nella quale aveva sottolineato l'importanza di mantenere legami con l'Iran e Israele.
 
Fonte: WikiLeaks
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa