Xi negli Stati Uniti per il vertice APEC e l'incontro con Biden

Xi negli Stati Uniti per il vertice APEC e l'incontro con Biden

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il presidente cinese Xi Jinping è arrivato a San Francisco per la sua prima visita negli Stati Uniti in sei anni, dato che le relazioni tra i due Paesi si sono notevolmente deteriorate negli ultimi anni a causa delle politiche sempre più ostili di Washington nei confronti di Pechino e dell'invasione della sua sfera geopolitica, in particolare per quanto riguarda Taiwan.

Mercoledì Xi ha in programma un incontro diretto con il presidente Joe Biden, per la prima volta in un anno e la seconda da quando il presidente degli Stati Uniti è entrato in carica.

Il viaggio, che coincide con il vertice della Cooperazione Economica Asia-Pacifico (APEC), si spera possa allentare alcune tensioni, che hanno raggiunto i massimi storici negli ultimi anni, grazie ai reciproci interessi economici.

Il quotidiano cinese Global Times ha constatato sul posto che il Segretario del Tesoro statunitense Janet Yellen e il governatore della California Gavin Newsom sono tra le personalità statunitensi delegate a ricevere la delegazione cinese.

San Francisco è stata la prima tappa del viaggio inaugurale di Xi negli Stati Uniti, decenni fa. Nella primavera del 1985, Xi, all'epoca leader della contea di Zhengding nella provincia di Hebei, nella Cina settentrionale, mosse i primi passi sul suolo USA.

Martedì mattina, all'esterno del Moscone Center, sede principale degli eventi APEC, i giornalisti del Global Times hanno parlato con Zhang, un uomo sulla quarantina che ha viaggiato fino a New York proprio per partecipare a questo evento di benvenuto. Avendo vissuto negli Stati Uniti per 11 anni, Zhang ha espresso la sua eccitazione e la speranza di un miglioramento delle relazioni tra Cina e Stati Uniti.

"Sono entusiasta", ha detto Zhang, "e spero in una cooperazione win-win tra Cina e Stati Uniti. È vantaggioso per entrambe le parti. Quando le relazioni non sono buone, i voli tra Cina e Stati Uniti diminuiscono e i prezzi dei biglietti aumentano. Se le relazioni potessero migliorare, non solo ne beneficerebbe lo sviluppo del popolo cinese, ma migliorerebbe anche in modo significativo la sicurezza e la stabilità del mondo. Spero che possano raggiungere un risultato positivo e mantenere insieme la stabilità e la pace globale".

Zhang ha anche parlato dell'impatto del deterioramento delle relazioni sulla comunità cinese negli Stati Uniti. "Il mondo sta affrontando gravi sfide ora, ed è fondamentale che le grandi potenze si siedano e discutano di questi problemi", ha detto, ricordando l'ultima visita del presidente Xi a Mar-a-Lago nel 2017, che ha avuto esiti positivi. "È tempo che i leader dei due Paesi si siedano e parlino di nuovo".

"È un grande evento per la comunità cinese qui, perché speriamo che i due leader dei Paesi possano sedersi e parlare in modo approfondito per il bene dei due Paesi e per la nostra prole. È di fondamentale importanza", ha dichiarato al Global Times una madre di nome Xie. 

Xie ha portato anche la figlia di 6 anni per unirsi alla delegazione di benvenuto.

Anche i rappresentanti delle imprese cinesi negli Stati Uniti si sono riuniti a San Francisco da tutto il Paese per assistere all'incontro, sperando che questa visita possa contribuire a dissipare le incomprensioni e a facilitare gli scambi commerciali tra i due Paesi. "Le imprese cinesi e statunitensi hanno bisogno di maggiore fiducia e di una comunicazione faccia a faccia, e la visita del Presidente Xi arriva proprio al momento giusto", ha dichiarato lunedì al Global Times un rappresentante di un'azienda cinese con sede a New York.

Il vertice riunisce i leader di 21 Paesi della regione Asia-Pacifico e si concentra sulla promozione del commercio e della cooperazione economica.

"Biden è determinato a ristabilire i legami militari perché ritiene che sia nell'interesse della sicurezza nazionale degli Stati Uniti", ha dichiarato il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan in un'intervista rilasciata alla CBS lunedì scorso. "Abbiamo bisogno di queste linee di comunicazione per evitare errori, errori di calcolo o di comunicazione".

"Lavoriamo insieme per il pieno successo della visita", ha dichiarato l'ambasciatore cinese negli Stati Uniti Xie Feng poco dopo l'atterraggio di Xi a San Francisco.

Si prevede che verranno discusse, tra le altre cose, le tensioni su Taiwan e sul Mar Cinese Meridionale, gli affari economici e commerciali, il dialogo militare di alto livello e il conflitto di Gaza.

In vista dell'incontro, i Paesi hanno annunciato una nuova cooperazione per combattere il cambiamento climatico.

Mentre Xi volava verso gli Stati Uniti, Pechino e Washington hanno annunciato un futuro corso di azioni e cooperazione per mantenere un aumento della temperatura di 1,5°C, "anche tagliando in modo significativo le emissioni del settore energetico negli anni 2020, affrontando tutti i gas a effetto serra nell'Accordo di Parigi e sostenendo un forte risultato della Conferenza sul clima delle Nazioni Unite" in programma negli Emirati Arabi Uniti il mese prossimo, ha dichiarato John Kerry, inviato speciale degli Stati Uniti per il cambiamento climatico.

I leader cinesi e statunitensi dovrebbero anche dichiarare un giro di vite sulla produzione e l'esportazione di fentanil.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti