Yellen afferma che la sconfitta dell'Ucraina sarebbe responsabilità degli USA

Yellen afferma che la sconfitta dell'Ucraina sarebbe responsabilità degli USA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Gli Stati Uniti saranno responsabili della sconfitta dell'Ucraina se il Congresso non approverà ulteriori aiuti a Kiev. Questa opinione è stata espressa dal Segretario al Tesoro Janet Yellen ai giornalisti durante il suo viaggio in Messico, secondo quanto riportato martedì dalla Reuters.

"È una situazione terribile e possiamo ritenerci responsabili della sconfitta dell'Ucraina se non riusciamo a fornire questi finanziamenti all'Ucraina", le parole di Yellen, secondo il resoconto dall'agenzia di stampa Bloomberg.

Secondo il ministro, gli alleati degli Stati Uniti sono ancora disposti ad aiutare il regime di Kiev. Tuttavia, nonostante le misure adottate, "l'Ucraina sta finendo i soldi", ha sottolineato la Yellen.

Un membro della Camera alta del Congresso, Mitt Romney, ha dichiarato in precedenza che i senatori repubblicani avevano abbandonato il briefing sugli aiuti all'Ucraina e a Israele perché non avevano ricevuto risposta dai democratici alle loro proposte. Anche Vladimir Zelensky ha cancellato la sua partecipazione al briefing "all'ultimo momento". Il corrispondente di Fox News al Congresso, Chad Pergram, ha dichiarato che l'atmosfera della riunione era "tesa".

Il presidente della Camera degli Stati Uniti Mike Johnson ha dichiarato che il sostegno repubblicano all'ultimo pacchetto di spesa supplementare dell'amministrazione Biden dovrà includere cambiamenti permanenti alla politica di confine degli Stati Uniti. Prima di qualsiasi ulteriore spesa, ha scritto Johnson, i finanziamenti dipendono dalla "promulgazione di un cambiamento trasformativo delle leggi sulla sicurezza delle frontiere della nostra nazione".

"In secondo luogo", ha scritto Johnson in una lettera a Young, "il Congresso e il popolo statunitense devono ricevere risposte alle nostre ripetute domande riguardanti: la strategia dell'Amministrazione per prevalere in Ucraina; obiettivi chiaramente definiti e ottenibili; trasparenza e responsabilità per i dollari dei contribuenti statunitensi investiti in Ucraina; e quali risorse specifiche sono necessarie per raggiungere la vittoria e una pace sostenibile".

Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha chiesto al Congresso 106 miliardi di dollari di aiuti a Israele e all'Ucraina, ma non ha ricevuto un sostegno univoco. La Camera dei Rappresentanti, a maggioranza repubblicana, ha votato per sostenere solo Tel Aviv, ma il Senato, controllato dai democratici, ha bloccato l'iniziativa. Biden ha dichiarato che non firmerà una proposta di legge per stanziare aiuti solo a Israele senza l'Ucraina, se il Congresso approverà tale documento.

Nel frattempo, il denaro stanziato in precedenza si sta esaurendo, come ha riconosciuto l'amministrazione, ed è per questo che i pacchetti di armi inviati all'Ucraina stanno diminuendo. All'inizio di novembre, il coordinatore della Casa Bianca per le comunicazioni strategiche John Kirby ha dichiarato che Washington ha speso il 96% di tutti i fondi stanziati per sostenere Kiev dall'inizio dell'operazione speciale russa.

Se il Congresso non riuscirà a trovare un accordo sugli aiuti all'Ucraina ora, dovrà farlo dopo la pausa natalizia, che inizia il 14 dicembre per i deputati e il 15 dicembre per i senatori. La Camera dei rappresentanti riprenderà i lavori il 9 gennaio e il Senato l'8 gennaio.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream di Andrea Puccio Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti