Zelensky definisce Amnesty International "terrorista" perché ha denunciato che Kiev utilizza i civili come scudi umani

Zelensky definisce Amnesty International "terrorista" perché ha denunciato che Kiev utilizza i civili come scudi umani

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'organizzazione internazionale per i diritti umani Amnesty International ha dato un colpo insidioso a Zelensky e al regime di Kiev, le cui malefatte vengono taciute dai media mainstream. 

In un nuovo rapporto, finanche questa struttura di cui più volte abbiamo evidenziato i lati oscuri, ha dovuto finalmente evidenziare che le forze armate ucraine piazzano le loro truppe e armamenti tra le infrastrutture civili. Un crimine di guerra che rende le popolazioni civili un obiettivo per attacchi militari. 

Zelensky che evidentemente non si aspettava l’uscita di questo rapporto ha accusato Amnesty International di stare dalla parte dei "terroristi" dopo che l'organizzazione ha condannato l'esercito ucraino per aver piazzato armi in aree civili in violazione del diritto umanitario.

"Oggi abbiamo visto un rapporto di Amnesty International che, purtroppo, cerca di amnistiare lo Stato terrorista e di spostare la responsabilità dall'aggressore alla vittima", ha affermato Zelensky in un videomessaggio. 

"Se qualcuno fa un rapporto che mette sullo stesso piano l'aggressore e la vittima, questo non può essere tollerato", ha detto il numero uno del regime di Kiev. 

Zelensky ha ripetuto tre volte che "l'Ucraina è una vittima" e ha osservato che "chiunque dubiti di questo è un complice della Russia - un Paese terrorista - e un terrorista egli stesso e complice delle uccisioni”. 

Il rapporto che ha fatto perdere le staffe a Zelensky, pubblicato giovedì, descrive in dettaglio 22 casi in cui le forze ucraine hanno lanciato attacchi dalle scuole e cinque esempi di utilizzo degli ospedali come "basi militari de facto". Amnesty ha dichiarato "non essere a conoscenza" del fatto che nei casi documentati i soldati di Kiev abbiano chiesto ai civili di evacuare gli edifici circostanti o li abbiano aiutati a farlo prima di occupare le strutture civili.

"Abbiamo documentato che le forze ucraine mettono in pericolo i civili e violano le leggi di guerra quando operano in aree popolate. Essere in posizione difensiva non esime l'esercito ucraino dal rispettare il diritto internazionale umanitario", ha spiegato nel rapporto Agnés Callamard, segretario generale dell'ONG.

Non poteva non aggregarsi alle proteste del regime di Kiev l’ineffabile ministro degli Esteri Kuleba, che accusa Amnesty di "creare una falsa realtà" in cui tutti "hanno la colpa di qualcosa". Per poi concludere che l'organizzazione dovrebbe concentrarsi esclusivamente sulle presunte malefatte russe.

Evidentemente i gerarchi del regime ucraino non sono abituati a vedere apertamente esposte e condannate le loro malefatte e quindi protestano in maniera sguaiata.  

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti