/ Zyuganov: "La Russia è in grado di contrastare la protervia imper...

Zyuganov: "La Russia è in grado di contrastare la protervia imperialista"

 

Dichiarazione del Presidente del Partito Comunista della Federazione Russa

 

da kprf.ru

Traduzione di Mauro Gemma per Marx21.it

Ghennady Zyuganov ha definito “sorprendente cinismo” il tentativo di riscrivere la storia e spostare la responsabilità della Seconda Guerra Mondiale sull'Unione Sovietica, messo in atto principalmente dai governanti della Polonia. “Invasioni sono state ripetutamente attuate attraverso questo paese e oggi nuove provocazioni partono da lì. Per la liberazione della Polonia, abbiamo mobilitato 600 mila dei migliori figli e figlie della grande potenza sovietica", ha ricordato il Presidente del Comitato Centrale del Partito Comunista della Federazione Russa, sostenendo la necessità di contrastare attivamente tali attacchi.


Inoltre, G.A. Zyuganov ha espresso l'opinione che dietro le dichiarazioni provocatorie ci sia il desiderio della leadership polacca di rendere il proprio paese una base avanzata statunitense e una possibile testa di ponte per l'aggressione. Allo stesso scopo, l'Occidente sostiene i nazisti e i seguaci di Bandera in Ucraina e negli Stati baltici. "A mio avviso, dovremmo confrontarci in modo più chiaro e deciso", ha detto il leader comunista, ricordando che in passato, negli anni 30, la Polonia aveva agito come aggressore, spartendo la Cecoslovacchia con Hitler e preparando l'aggressione contro l'URSS.

"Sono convinto che dovremmo rafforzare la nostra potenza, perché in questo mondo solo la forza e la capacità vengono rispettati", ha sottolineato Ghennady Andreevich. "Più forti saremo, meno provocazioni arriveranno direttamente dalla Polonia". Zyuganov ha fatto osservare che la leadership polacca per i propri scopi chiude persino un occhio sull'annientamento dei suoi concittadini attuato da Bandera durante la Seconda Guerra Mondiale, offrendo il suo sostegno all'antisovietismo e alla russofobia in Ucraina.

Il leader comunista ha osservato con rammarico che anche in Russia più di una volta ci sono stati tentativi di riscrivere il passato, come spesso è avvenuto nei libri di testo scolastici e nel cinema.

"Dobbiamo ripristinare la storia", ha detto. "Ma tutti devono dare il loro contributo da noi: in onda e nei film".

Ghennady Andreyevich ha anche ricordato il ruolo della Cina nella Seconda Guerra Mondiale, esprimendo l'opinione che in realtà questa ha avuto inizio con l'aggressione del Giappone in Estremo Oriente. "Non è un caso che l'Unione Sovietica e la Cina siano state tra i fondatori del Consiglio di sicurezza e, insieme agli statunitensi, agli inglesi, ai francesi, abbiano fatto molto per frenare la corsa agli armamenti e l'esplosione di una nuova guerra", ha detto, rammaricandosi per il fatto che gli USA abbiano spezzato il sistema che ha garantito la sicurezza sul pianeta.

"Oggi il mondo si sta sviluppando su un asse: gli Stati Uniti, i suoi alleati e la Cina", ha affermato Zyuganov. "Il nostro Paese ha giocato e giocherà un ruolo enorme, perché è l'unico che oggi può affrontare gli Stati Uniti d'America anche in uno scontro militare". Il leader comunista ha messo in rilievo la favorevole posizione geopolitica della Russia, auspicando lo sviluppo di legami economici sia con i paesi asiatici che con l'Europa, sfruttando a tale scopo tutte le possibilità, comprese le istituzioni politiche internazionali.

Inoltre, Zyuganov ha affermato la necessità di costruire relazioni amichevoli con la fraterna Bielorussia e di utilizzare il cambio di leadership in Ucraina per ripristinare i legami spezzati. Ha espresso la fiducia che la nuova giovane squadra che è salita al potere a Kiev sia in grado di porre fine all'eredità del regime criminale dei suoi predecessori e costruire buoni rapporti di vicinato con la Russia e le repubbliche della Novorossya.

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa