L’Argentina cambia rotta: verso Russia e Cina al posto di Stati Uniti e Ue

L’Argentina cambia rotta: verso Russia e Cina al posto di Stati Uniti e Ue

Avvicinamenti strategici in vista di nuovi investimenti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



C’’è un avvicinamento strategico da parte dell’Argentina a Russia e Cina, e un cambiamento dei rapporti con Stati Uniti e Unione Europea, secondo il quotidiano argentino La Nación.



Nella sua recente visita in Russia e Cina, il ministro per la Pianificazione argentino, Julio de Vido, ha presentato 14 nuovi progetti di infrastrutture del valore di quasi 17.000 milioni di euro. In particolare, tra le altre cose, la costruzione di quattro dighe idroelettriche nella provincia di Neuquén.

Tuttavia, l'alleanza strategica tra Buenos Aires e Mosca non si limita alla cooperazione nel settore dell'energia. Mosca è anche disposta ad ampliare il volume dei conferimenti di elicotteri russi all’Air Force Argentina, così come a promuovere nel territorio del paese latinoamericano il sistema di navigazione russo Glonass.

Inoltre i due paesi han concordato di aumentare il rifornimento di prodotti alimentari argentini alla Russia, a causa del divieto di importazioni di alcuni prodotti provenienti dagli Stati Uniti e dall'Europa. Il Ministero dell'Agricoltura argentino spera che l'esportazione di carne e latticini in Russia aumenti del 30%.

Il nuovo ambasciatore cinese in Argentina, Yang Wanming e anche gli imprenditori cinesi "hanno un grande interesse ad espandere i loro investimenti in Argentina" in una vasta gamma di settori. Le autorità argentine hanno annunciato recentemente la firma di un accordo con la multinazionale cinese CNNC sulla costruzione congiunta di una centrale nucleare Atucha III. Pechino ha stanziato 2.000 milioni per iniziare la costruzione dell’impianto  e prevede di investire ulteriormente nel progetto 34.000 milioni di peso argentini (4.000 milioni di dollari). 

Potrebbe anche interessarti

Tornano di moda le fake news sul caso Litvinenko. Facciamo chiarezza di Francesco Santoianni Tornano di moda le fake news sul caso Litvinenko. Facciamo chiarezza

Tornano di moda le fake news sul caso Litvinenko. Facciamo chiarezza

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Una manna dal cielo per il millantatore Draghi di Pasquale Cicalese Una manna dal cielo per il millantatore Draghi

Una manna dal cielo per il millantatore Draghi

Non si inginocchia nessuno contro il "democratico" Biden? di Antonio Di Siena Non si inginocchia nessuno contro il "democratico" Biden?

Non si inginocchia nessuno contro il "democratico" Biden?

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti