/ Assemblea Generale dell'ONU, Maduro e Morales denunciano i disast...

Assemblea Generale dell'ONU, Maduro e Morales denunciano i disastri delle guerre imperialiste

 

Nei loro interventi alla 70a Assemblea Generale dell'ONU, Il Presidente venezuelano Nicolįs Maduro e il suo omologo boliviano, Evo Morales hanno evidenziato come le guerre imperialiste siano il principale fattore dei problemi che affliggono l'umanitą

Di Francesco Guadagni

Come riportato da Hispantv e RT, i Presidenti del Venezuela e della Bolivia, Nicolás Maduro e Evo Morales, nei loro interventi alla 70a Assemblea generale dell'ONU, si sono scagliati contro le politiche imperialiste che hanno causato disastri umanitari, ecologici ed economici.
 
"La guerra è il miglior business del capitalismo", ha dichiarato Morales, denunciando coloro che sostengono le politiche neoliberiste, ovvero i paesi sviluppati, nel momento in cui queste politiche attaccano i più bisognosi.
 
"Come risultato delle guerre imperialiste, oggi gli oceani sono diventati i cimiteri dei rifugiati che periscono in mare, dal momento che i loro paesi sono diventati trincee della guerra", ha aggiunto Morales.
 
Il presidente boliviano ha sottolineato che esistono le "fabbriche di guerra, si demonizzano i leader e gli stati progressisti e si criminalizza il loro orientamento anti-capitalista". Inoltre, Morales ha avvertito che le politiche del sistema capitalista non soddisfano i bisogni dell'umanità. "Ogni giorno l'impero crea veri eserciti di fanatici religiosi che non possono controllare, come l'esercito dello Stato islamico", ha spiegato commentando le accuse che gli Stati Uniti sostengono le organizzazioni terroristiche.
 
Inoltre, Morales ha annunciato che la politica del capitalismo colpisce direttamente l'ambiente e lo sviluppo sostenibile, a tal proposito ha chiesto ai governi di lavorare insieme per un mondo di maggiori opportunità.
 
Il Presidente della Repubblica Bolivariana del Venzuela, Nicolás Maduro sulla stessa linea di Morales, ha denunciato che le "causa concrete, specifiche, che hanno avuto un impatto devastante sui popoli fraterni di Afghanistan, Iraq, Libia e Siria, non sono altro che le guerre ingiuste, un tentativo di controllare il mondo da parte una sola potenza egemone che cerca di avere il suo dominio sui popoli."
 
Inoltre, Maduro ha sottolineato che l'origine della povertà e della miseria nel mondo è la disuguaglianza sociale che si deve quindi combattere con la creazione di un nuovo modello economico e sociale.
 
Allo stesso modo, ha chiesto la fine della ingiustizie e delle guerre imperialiste con l'intenzione di stabilire le condizioni che dirigano l'essere umano verso i suoi "nobili obiettivi".
 
Egli ha aggiunto che l'aggressione e la conquista di interi paesi ha causato il flusso di richiedenti asilo che provengono da paesi arabi coinvolti nella guerra, coloro che fuggono dalla miseria e dolore.
 
"Pensiamo ad una casa comune dei popoli che si basi sulle loro relazioni sul rispetto del diritto internazionale e dei popoli che vedano l'Agenda 2030 come un Agenda umana di costruzione, pace, felicità e giustizia universale internazionale", ha concluso.
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa