Damasco: "Le azioni degli Usa in Siria sono una illegale violazione della nostra sovranità"

Damasco: "Le azioni degli Usa in Siria sono una illegale violazione della nostra sovranità"

Il vice ministro degli esteri siriano al-Faisal Mikdad: "Dubitiamo che le truppe statunitensi siano sinceri nella loro lotta contro il terrorismo"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Le azioni delle forze armate degli Stati Uniti in Siria sono una violazione della sovranità e non parte della lotta al terrorismo intrapreso da Damasco. Lo ha dichiarato venerdì mattina il vice ministro degli esteri siriano al-Faisal Mikdad, in un'intervista a Ria Novosti.

 
"Dubitiamo che le truppe statunitensi siano sinceri nella loro lotta contro il terrorismo. Non coordinare le loro azioni con l'esercito siriano rende queste forze illegali sul territorio della Siria. Non si può dire che stanno combattendo il terrorismo", ha affermato il rappresentante del governo di Damasco.
 
Il diplomatico ha parlato dopo che Washington ha confermato il dispiegamento di truppe per operazioni speciali in Siria. Il Segretario della Difesa Ash Carter, in particolare, aveva definito ieri la prima missione in Siria un successo. "Penso che abbiamo centrato il frutto che speravamo", ha detto Carter ai giornalisti dopo un incontro con le truppe e i leader kurdi a Irbil.
 
Il vice-ministro Mikdad ha accusato l'Arabia Saudita di aver raggruppato varie forze che cercano di spodestare il governo di Damasco. "Alcuni dei partecipanti che l'Arabia Saudita ha portato alla conferenza non sono realmente opposizione. Altri rappresentavano dei veri gruppi terroristici. Possiamo solo dire che la Siria non negozia con i terroristi. L'unico posto dove li incontriamo è il campo di battaglia", ha detto.

Mikdad ha quindi respinto la coalizione che, riprendendo una felice intuizione di Piccole Note, abbiamo definito la Nato sunnita, con 34 nazioni complessiva e l'Arabia Saudita alla sua guida. Si tratta di una proposta di alleanza settaria in natura e che usa slogan religiosi per obiettivi politici molto simili al gruppo terroristico dello Stato Islamico (IS, già ISIS / ISIL), ha concluso il rappresentante siriano. 

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti