“L'ho dovuto fare per essere eletta”. L'eurodeputata lituana Grigule sullo scioglimento dell'EFDD

“L'ho dovuto fare per essere eletta”. L'eurodeputata lituana Grigule sullo scioglimento dell'EFDD

Grave interferenza politica di Schulz. Si dovrebbe dimettere, se solo in Europa vigesse un sistema democratico....

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Lo ho dovuto fare per essere eletta”. L'eurodeputata lituana Iveta Grigule ha spiegato così le sue dimissioni che hanno di fatto portato allo scioglimento del gruppo EFDD, che comprendeva l'Ukip e il Movimento Cinque Stelle. Lo riporta in una nota il partito di Nigel Farage.


Al Segretario generale dell'EFDD, Grigule ha precisato come il presidente del PPE Manfred Weber e il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz le hanno fatto presente che le dimissioni dal suo gruppo era una condizione necessaria per la sua nomina alla delegazione parlamentare del Kazakhstan.
 
Il commento di Farage è stato molto duro. "Se abbiamo compreso bene l'evoluzione degli eventi, il presidente Schulz è più adatto a essere il presidente di una Repubblica delle banane. Sembrerebbe che ha ecceduto il suo ruolo neutrale che il suo incarico presuppone. Credo che questo sia un esempio di intromissione politica su una scala straordinaria”.
 
E' necessario che venga immediatamente aperta un'inchiesta interna al Parlamento per accertare lo svolgersi di questa vicenda. Dopo le gravissime parole di Grigule, la posizione di neutralità di Schulz – una barzelletta già dall'inizio dato che era il candidato alla Commissione di una parte politica e uno dei fautori di quelle larghe intese che compongono oggi l'esecutivo europeo - è ulteriormente compromessa. E, nel frattempo, questa farsa dittatoriale che si chiama Unione Europea prosegue...

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra