/ La Manhattan cinese: l'ennesimo esempio di città fantasma

La Manhattan cinese: l'ennesimo esempio di città fantasma

 

164 milioni di metri quadrati di uffici destinati a rimanere inutilizzati

"Stanno costruendo cose che nessuno vuole o di cui nessuno ha veramente bisogno ... e ci sarà una resa dei conti". Un altro mega progetto di città fantasma è in fase di sviluppo in Cina. Come riporta NBC News, l’imitazione cinese da 50 miliardi di dollari della Grande Mela - vicino alla città portuale di Tianjin, a circa 120 km da Pechino - con tanto di Rockefeller Center e Twin Towers è stato annunciato come il più grande centro finanziario del mondo in via di realizzazione. Ma questa Manhattan ha ancora molta strada da fare ...
 
Ian Williams spiega che nulla è migliorato in Cina rispetto al fenomeno delle città fantasma ...
 
 
 
"Una recente visita dimostra che la costruzione iniziata nel 2008 sulla scia di un boom creditizio scatenato in Cina dopo la crisi finanziaria globale sembra essere ad un punto morto.
Mentre le imitazioni del Rockefeller Center e delle Torri Gemello sembrano essere completate, entrambe sono vuote e recintate.
  
I 164 milioni di metri quadrati di uffici su una superficie più grande del distretto finanziario di Manhattan dovevano essere ultimati nel 2019 nel tentativo di stimolare lo sviluppo di grandi quartieri residenziali nelle vicinanze.
 
"Stanno costruendo cose che nessuno vuole veramente o di cui qualcuno ha veramente bisogno - e verrà il giorno della resa dei conti," ha spiegato Gillem Tulloch, un analista con sede a Hong Kong e amministratore delegato di GMT Research che ha studiato la crescita delle "città fantasma" della Cina.
 
"I nostri principali economisti in Occidente hanno lodato il sistema di tipo sovietico dal 1950 fino agli anni 1980," ha detto. "Si sbagliavano. Penso che sia la stessa cosa con la Cina."

 
  
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa