11 vaccini in meno di 1 anno. La Corte di Cassazione riconosce nesso con leucemia

11 vaccini in meno di 1 anno. La Corte di Cassazione riconosce nesso con leucemia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

I vaccini possono causare la leucemia.  Con sentenza 26842/20 del 25/11 la Cassazione ha confermato l’esistenza del nesso di causalità fra la somministrazione dei vaccini e l’insorgenza della leucemia.

 

 

 

Un nesso eziologico ritenuto provato “dall’alta probabilità statistica” che il considerevole numero di vaccinazioni (undici), eseguite in un lasso temporale molto breve (meno di un anno), abbia “causato o comunque favorito la malattia”. 

 

Inutile girarci intorno, o provare a minimizzare (come cerca indegnamente di fare un noto sito “antibufalaro” che tenta goffamente di smontare la sentenza), per quanto la Suprema Corte si sia limitata a confermare la decisione presa dalla Corte d’Appello, qui siamo difronte ad un fatto storico e incontestabile.

 

Dalla scorsa settimana, all’interno dell’ordinamento giuridico italiano, c’è una sentenza passata in giudicato che dice espressamente una cosa: somministrare un ciclo vaccinale in un lasso temporale molto breve può causare l’insorgenza di patologie mortali come la leucemia.

 

E questo non è il vaneggiamento cospirazionista di qualche complottista d’accatto. È una verità processuale non contestabile. Punto. Fine della storia. 

 

Una sentenza importantissima  perché - oltre a fare giustizia e dare un barlume di speranza a centinaia di militari vittime delle vaccinazioni - ha la portata di un terremoto. 

 

Perché se è vero che un ciclo vaccinale molto ravvicinato può causare problemi serissimi come la leucemia, allora è ragionevole ri-mettere in discussione l’intero impianto del decreto Lorenzin. 

 

Con buona pace di chi ha sempre liquidato la sacrosanta richiesta di rispetto del principio di precauzione come il delirio di qualche no vax. 

 

Perché molti di noi, come il sottoscritto, non sono mai stati contro la scienza né, tantomeno, contro i vaccini. Ma pretendono rispetto per la vita delle persone, soprattutto per quella dei bambini, la cui salute non può essere subordinata agli interessi delle grandi multinazionali del farmaco.

 

Si pretendono ragionevolezza, trasparenza, vera informazione (fondamentale per la formazione del consenso ai trattamenti) e cautela nel disciplinare una materia delicatissima come quella dei trattamenti sanitari. 

 

Detto altrimenti non siamo mai stati pazzi. E questa sentenza finalmente dimostra che le perplessità, i dubbi, le paure di tanti cittadini non sono irragionevole follia antiscientifica. Ma solamente buonsenso. 

 

I pazzi siete voi che, in un mondo dominato dal denaro, riuscite a non dubitare mai.

 

Neppure difronte all’evidenza.

Antonio Di Siena

Antonio Di Siena

Direttore editoriale della LAD edizioni. Avvocato, blogger e autore di "Memorandum. Una moderna tragedia greca" 

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti