26 luglio: Fidel parla dell'assalto alla caserma Moncada

26 luglio: Fidel parla dell'assalto alla caserma Moncada

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Radio Rebelde

Tratto dal libro "Cento ore con Fidel, Conversazioni con Ignacio Ramonet", edito dall'Ufficio delle pubblicazioni del Consiglio di Stato della Repubblica di Cuba, Terza edizione, L'Avana, 2006, pp. 145-177.

Quando hai deciso di attaccare la caserma Moncada?

Sospettavo, avevo indizi, che Batista stesse pianificando un colpo di Stato. L'ho comunicato alla dirigenza del Partito Ortodosso; Hanno chiesto a persone di loro fiducia di indagare, lo hanno fatto, e hanno detto alla Direzione, di cui io non facevo parte, che non c'era pericolo, che tutto era molto tranquillo. Te l'ho già raccontato.

Quando abbiamo deciso di attaccare il Moncada? Quando ci siamo convinti che nessuno avrebbe fatto niente, che non ci sarebbe stata lotta contro Batista, e che molti gruppi esistenti - in cui c'erano molte persone militanti in più gruppi contemporaneamente - non erano preparati o organizzati per portare avanti fuori la lotta armata che prevedevamo.

Un professore universitario, Rafael García Bárcena, per esempio, venne a parlarmi perché voleva prendere la caserma Columbia all'Avana, roccaforte fondamentale del regime. Mi dice: "Ho delle persone dentro che mi sostengono". Gli dico: “Vuoi prendere la Columbia, perché ti apriranno la strada? Quindi non parlare con nessun altro, perché abbiamo abbastanza uomini e la totale discrezione dovrebbe essere mantenuta”. Ah!, ha fatto il contrario, ha parlato con più di venti organizzazioni, e in pochi giorni tutta l'Avana, compreso l'esercito, sapeva che l'insegnante si stava preparando, un uomo buono e perbene, che impartiva alcune di quelle lezioni che i soldati semplici ricevono come parte del loro addestramento. Bárcena era uno di quegli insegnanti. Come previsto, tutti sono stati arrestati, compreso l'insegnante.

Già prima dell'esito atteso, avvenuto poche settimane dopo la mia conversazione con Bárcena, quando abbiamo appreso che la presa della Columbia era di dominio pubblico, decidemmo quindi di agire nel futuro con le nostre forze, superiori per numero, disciplina e formazione a tutti gli altri insieme. Fa male dirlo, ma era così. Tra queste organizzazioni, una delle più serie e combattive era la Federazione Studentesca Universitaria. Ma le sue pagine più brillanti, sotto la direzione di José Antonio Echeverría, appena entrato all'Università, e del Direttorio rivoluzionario, organizzazione da lui creata nel 1956, dovevano ancora essere scritte.

Analizzammo la situazione e sviluppammo il piano. Scegliemmo Santiago de Cuba per iniziare la lotta. Non parlai più con l'insegnante. Un giorno, mentre tornavo per strada da un viaggio in quella città, ho sentito alla radio la notizia della cattura di Bárcena.

Come riuscisti a riunire il gruppo di militanti che attaccò la Moncada?

Avevo fatto un lavoro di proselitismo e di predicazione, perché avevo già una concezione rivoluzionaria e l'abitudine di studiare ognuno dei combattenti che si offrivano volontariamente, comprendendo bene le loro motivazioni e instillando loro regole di organizzazione e di comportamento, spiegando loro ciò potevo e dovevo spiegare. Senza quella concezione, il piano Moncada non potrebbe essere concepito. In base a cosa? Che forza avrai? Con quali combattenti? Se non ci fossero la classe operaia, i contadini, la gente umile, in un paese terribilmente sfruttato e sofferto, tutto sarebbe privo di significato. Non c'era coscienza di classe; C'era, tuttavia, quello che a volte ho descritto come un istinto di classe, tranne che in coloro che erano membri del Partito Socialista Popolare (comunista), abbastanza politicamente istruiti. C'era un Mella, un giovane, brillante dirigente universitario che, insieme a un combattente della guerra d'indipendenza, aveva fondato nel 1925 il Partito Comunista di Cuba. L'ho già ricordato più di una volta. Ma nel 1952 quel partito era politicamente isolato, in piena epoca di maccartismo e sotto l'influenza di una feroce campagna imperialista, con tutti i mezzi a sua disposizione, contro tutto ciò che puzzava di comunismo. L'ignoranza politica era enorme. 

Ti ci è voluto molto per mettere insieme questi uomini?

Fu relativamente veloce. Rimasi stupito di quanto velocemente, usando argomentazioni appropriate e una serie di esempi, convinci qualcuno che questa società è assurda e deve essere cambiata. Inizialmente ho iniziato con una manciata di immagini. C'erano molte persone che erano contro il furto, l'appropriazione indebita, la disoccupazione, l'abuso, l'ingiustizia; ma credeva che ciò fosse dovuto a cattivi politici. Non riuscivano a identificare il sistema che stava causando tutto questo.

È già noto che le influenze del capitalismo, invisibili alla gente comune, agiscono sull'individuo senza che lui ne sia consapevole. C'era in molti la convinzione che se avessero portato un arcangelo, il più esperto, dal cielo e lo avessero messo a governare la Repubblica, l'onestà amministrativa sarebbe venuta con lui, si sarebbero create più scuole e nessuno avrebbe rubato soldi per la salute pubblica e altri urgenti bisogni. Non riuscivano a capire che la disoccupazione, la povertà, la mancanza di terra, tutte le calamità, l'arcangelo non poteva risolverle, perché quegli enormi latifondi, quel sistema produttivo non ammettevano di porre fine a nulla. La mia convinzione totale era che il sistema doveva essere sradicato.

Quei ragazzi erano ortodossi, molto anticattolici, molto sani, ma non avevano un'educazione politica. Avevano un istinto di classe, direi, ma non una coscienza di classe.

Noi, come ho spiegato inizialmente, iniziammo a reclutare e formare uomini per partecipare, come qualcosa che sembrava elementare, insieme agli altri, a una lotta per ripristinare lo status costituzionale del 1952, interrotto, due mesi e 20 giorni prima della elezioni, da Fulgencio Batista, uomo di grande influenza militare nel suo vecchio e non purificato esercito, che concepì il colpo di Stato nella convinzione di non avere possibilità di vincere le elezioni.

Ci organizziamo come forza combattente, ripeto, non per fare una rivoluzione, ma per unirci a tutte le altre forze ‘antibatiste’, perché dopo il golpe del 10 marzo 1952 era essenziale che tutte quelle forze si unissero. C'era il partito vincitore delle elezioni del 1948 al governo, l'Autentico, abbastanza corrotto, ma Batista era molto peggio. C'era una Costituzione, un intero processo elettorale in corso, e 80 giorni prima delle elezioni di giugno, quel 10 marzo 1952, Batista realizzò il golpe.

Le elezioni si sarebbero dovute tenere il primo giugno. Era anche candidato per il suo partito, ma i sondaggi dicevano che non aveva possibilità di essere eletto, che la vittoria sarebbe stata a larga maggioranza per il partito fondato da Chibás, l’Ortodosso. Così Batista eseguì il suo astuto colpo di Stato militare. Tutti iniziano a organizzarsi e a fare piani per rovesciare quel governo illegale e dispotico.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

Potrebbe anche interessarti

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Una manna dal cielo per il millantatore Draghi di Pasquale Cicalese Una manna dal cielo per il millantatore Draghi

Una manna dal cielo per il millantatore Draghi

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti