842 miliardi di dollari "per contrastare Russia e Cina". Record storico per il bilancio del Pentagono

842 miliardi di dollari "per contrastare Russia e Cina". Record storico per il bilancio del Pentagono

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il Pentagono ha presentato ieri un progetto di bilancio per 842 miliardi di dollari per l'anno fiscale 2024, una cifra record in materia di difesa nella storia del paese nordamericano.

Nel corso di una conferenza stampa, il sottosegretario alla Difesa Usa, Kathleen Hicks, ha motivato il dato indicando che è fondamentale creare "la giusta combinazione di capacità, sia che si tratti di affrontare la sfida della Cina, la grave minaccia dell'aggressione russa in Europa, o scoraggiare le minacce da Iran, Corea del Nord e organizzazioni terroristiche globali".

Il budget, che prevede un incremento del 3,2% rispetto all'anno precedente, ha ottenuto un finanziamento record di 145 miliardi di dollari per ricerca, sviluppo, sperimentazione e valutazione, e altri 170 miliardi, cifra senza precedenti, per l'acquisto di armi.

Inoltre, è previsto un investimento di 61,1 miliardi di dollari per sviluppare, modernizzare e acquisire armi aeree letali, che comprende caccia F-22, F-35, F-15EX e bombardieri B-21 , tra gli altri, più 48,1 miliardi per la costruzione navale.

Gli Stati Uniti stanno anche cercando di modernizzare il proprio arsenale nucleare, per il quale sono proposti 37,7 miliardi di dollari, e altri 33,3 miliardi di dollari in capacità spaziali vitali, architetture resilienti e comando e controllo spaziali potenziati.

Allo stesso modo, gli Stati Uniti intendono continuare a confrontarsi con la Russia nel continente europeo, contemplando, tra gli altri, un investimento di 3,6 miliardi di dollari nella European Deterrence Initiative e altri 300 milioni di dollari nella Ukraine Security Assistance Initiative. 

Il budget ha assicurato 9,1 miliardi di dollari per la Pacific Deterrence Initiative, che mira a contrastare l'influenza della Cina nell'Indo-Pacifico e rafforzare il ruolo degli Stati Uniti nella regione. In particolare, questa somma sarà destinata alla costruzione di basi aeree, allo sviluppo di una nuova architettura di allarme e monitoraggio missilistico, nonché allo scambio multinazionale di informazioni e formazione.

Il totale richiesto include anche 146 miliardi di dollari per la prontezza delle forze congiunte e un aumento del 5,2% del personale militare e civile del Dipartimento della Difesa, il più grande aumento in oltre 20 anni per il primo e in 40 anni per il secondo. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti