Accordo Consiglio Ue. Conte ha vinto? Ni

Accordo Consiglio Ue. Conte ha vinto? Ni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Danilo Della Valle

E fu così che dopo quattro giorni è stato trovato un accordo al Consiglio… 

Bravo Conte, bravo per la tenacia e per aver ottenuto il massimo, bravo più che altro per aver mantenuto la pazienza senza alzare tavoli e sedie.



Detto questo, aspettando di leggere per intero l’accordo, l’Italia strappa 209 miliardi di cui 82 di sussidi e 127 di prestiti. Parliamoci chiaramente non cambieranno i destini del Paese, ma sono un segnale di tentativo di ripresa.

L’Italia ha “vinto”? Su alcune cose sì, è riuscita a mantenere quasi gli stessi soldi dei sussidi  nonostante sia stata tagliata la somma totale ed è riuscita a evitare di far inserire la clausola del “freno”, ossia il diritto di veto di alcuni Paesi nell’assegnazione dei fondi in corso d’opera. 

Tuttavia resta l’incognita del Recovery Fund; leggendo le dichiarazioni di Von der Leyen qualcosa non convince. La presidente della Commissione Ue ha dichiarato: “Il Recovery Fund è stabilito in maniera molto chiara, è volontario ma chi vi accede deve allinearsi con il Semestre europeo e le raccomandazioni ai Paesi. Finora dipendeva solo dai Paesi rispettarle o meno, ma ora le raccomandazioni sono legate a sussidi e prestiti”. Ecco, questa dichiarazione è da prendere con le molle perché significherebbe comunque una intrusione nelle scelte di politica economia futura e vedere lo spettro delle riforme strutturali, tagli, austerità e via discorrendo. Punto da capire bene non appena si può leggere il documento finale.

Insomma, si può chiaramente dire che a margine della trattativa sono venuti fuori tutti i limiti della Unione Europea dal punto di vista politico, le trattative troppo spesso portate avanti non per il bene comune ma per meri scopi elettorali (elezioni in Olanda), il diritto di veto che troppo spesso è usato a mò di ricatto, la mancanza di una natura politica e di una unità di intenti dei Paesi Ue che, insieme alla struttura perdente del trattato di Maastricht rendono l’Unione Europea molto lontana da quel che teoricamente dice di voler rappresentare per i popoli europei.

Ora bisogna rimanere con i piedi per terra e aspettare di capire le condizioni e come verranno spesi questi soldi. Ricordiamoci sempre che siamo nel bel mezzo di una crisi economica dovuta da un evento pandemico che ha spinto in avanti ed esarcerbato una crisi che non è cominciata certo ieri.

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti