Al Jazeera: Video mostra che non ci sono stati combattimenti prima della morte della giornalista Abu Akleh

Al Jazeera: Video mostra che non ci sono stati combattimenti prima della morte della giornalista Abu Akleh

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

In Israele non ci sarà nessuna inchiesta per la morte della giornalista di Al Jazeera Shireen Abu Aqla Nasri, ma non potrà comunque giustificare le sue menzogne per giustificare l’assassinio della reporter.

La catena del Qatar Al Jazeera ha pubblicato oggi un video registrato pochi istanti prima della morte di Abu Akleh a Jenin nella Cisgiordania occupata, che mostra i giornalisti in una situazione tranquilla prima degli spari. Ciò nonostante, le autorità israeliane avessero già indicato che nella zona erano in corso combattimenti quando la reporter è stata uccisa.

Il video, che è stato registrato da un residente della città ed è stato verificato dall’emittente del Qatar, mostra diverse persone che parlano e diversi giornalisti, tra cui Abu Akleh, vestita con giubbotti e caschi e avanza verso le postazioni in cui la sicurezza israeliana presumibilmente erano presenti in forze. A quel punto si sentono degli spari.

Quindi, la popolazione che appare in primo piano inizia a fuggire dalla zona da cui provengono gli spari. Abu Akleh appare invece sdraiato a terra dopo essere stata colpita in faccia.

Abu Akleh, 51 anni, è stata ucciso a colpi d'arma da fuoco dai soldati israeliani l'11 maggio mentre seguiva un raid delle forze israeliane a Jenin, secondo colleghi e testimoni presenti sulla scena.

L'omicidio della giornalista palestinese ha suscitato rifiuto e condanna sia a livello nazionale che internazionale. Inoltre, ha suscitato richieste diffuse per un'indagine indipendente. Da parte loro, le autorità palestinesi e l'Organizzazione delle Nazioni Unite hanno evidenziato la necessità che l'occupazione israeliana sia ritenuta responsabile di questo orribile crimine, chiedendo che i responsabili siano assicurati alla giustizia internazionale.

Proprio ieri, il quotidiano Haaretz ha rivelato che la polizia israeliana ha annunciato che non indagherà sulla morte della giornalista.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti