Alessandro Di Battista: la lezione di sovranità di Cuba nello sviluppo dei vaccini anti Covid

Alessandro Di Battista: la lezione di sovranità di Cuba nello sviluppo dei vaccini anti Covid

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Alessandro Di Battista

In Italia, attualmente, si stanno somministrando (a rilento per via dei ritardi delle consegne) 3 vaccini diversi. Li producono Pfizer, Moderna e AstraZeneca. Tre multinazionali che di europeo hanno ben poco. Chiaramente, essendo multinazionali, hanno sedi e distaccamenti in mezzo mondo. Ma non sono europee ed, ovviamente, non sono aziende pubbliche. La più europea è AstraZeneca, nata dalla fusione di una casa farmaceutica svedese con una britannica. Era il 1999, erano gli anni d'oro delle fusioni in ogni ambito e della nascita di colossi bancari, editoriali e farmaceutici. AstraZeneca ha la sede centrale a Cambridge, Regno Unito, dunque fuori dall'UE. Anche la sede centrale di Moderna, colosso farmaceutico statunitense, è a Cambridge, ma Cambridge Massachusetts, area di Boston per intenderci. Pfizer, la più grande casa farmaceutica al mondo - tra l'altro azienda coinvolta in innumerevoli scandali - ha la sua sede principale a New York. 
L'EMA, l'Agenzia Europea per i Medicinali, sta valutando se dare l'ok anche ad un quarto vaccino, quello prodotto dalla Johnson & Johnson che ha il suo quartier generale a New Brunswick, nel New Jersey.

Questo è il quadro: un dominio delle imprese nordamericane con l'UE che, oltretutto, le sovvenziona con denaro pubblico e con le quali (pare) abbia firmato accordi poco chiari e poco convenienti. 
I veri europeisti dovrebbero lottare per la sovranità europea anche dal punto di vista della produzione di farmaci. Dovrebbero lottare per la realizzazione di una casa farmaceutica pubblica europea. Ma essere europeisti oggi è un mero slogan per opporsi ai sedicenti sovranisti (alla Salvini per intenderci, quelli che per una poltrona hanno baciato la pantofola a Draghi).
Intanto Cuba, piaccia o non piaccia, sta dando una lezione al mondo intero. Si può pensare quel che si vuole su Cuba e sul suo sistema di governo ma, ad oggi, nonostante un vile embargo che va avanti da decenni, nonostante non riceva i finanziamenti che arrivano ad altri, nonostante sia un paese piccolo, sta producendo molti vaccini. 

A Cuba c'è una casa farmaceutica statale, si chiama BioCubaFarma e coordina il lavoro di 32 aziende pubbliche che operano nel campo della ricerca e della produzione biomedica. 

BioCubaFarma sta lavorando a 5 candidati vaccinali, ripeto 5: 
1. Soberana1 (fase di sperimentazione 2/3)
2. Soberana2 (fase 3, ovvero si sta effettuando l'ultimo step di sperimentazione umana con 44.000 cittadini di L'Havana)
3. Abdala (sta per iniziare la fase 3)
4. Mambisa (uno dei 4 candidati vaccinali al mondo intranasali, fase1-2)
5. Soberana1A (monodose per i convalescenti)
Cuba (a onor del vero anche Pfizer e Moderna) sta dimostrando che per i convalescenti, ovvero coloro che hanno già avuto il virus, è sufficiente una sola dose di vaccino. 

Queste sono informazioni utili per costruire un'opinione su europeismo vero ed anti-europeismo fasullo, su pubblico e privato, su indipendenza e sudditanza. Insomma, sulla nostra vita.

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti